Home > Recensioni > The Child Of A Creek: Quiet Swamps
  • The Child Of A Creek: Quiet Swamps

    Metaphysical Circuits / Ruralfaune

    Data di uscita: 20-09-2014

    Loudvision:
    Lettori:

Cercate di figurarvi dei paesaggi naturalistici, paludi silenziose, la condensa del respiro in inverno e montagne desolate. Sono queste le immagini con cui Lorenzo Bracaloni, in arte The Child Of A Creek, dipinge il suo mondo, che ci mostra attraverso Quiet Swamps, l’ ultimo album partorito dopo circa tre anni di duro lavoro, che ha creato quasi interamente da solo: canta, scrive, compone, suona, registra, mixa. Tre anni non sono pochi, e danno l’opportunità di limare al meglio il prodotto: il progressive folk/ambient di Quiet Swamps è sicuramente curato, di qualità,  e si esprime in alcune piccole chicche musicali come “Lost Horizons” e “Golden Memories”. L’album è composito, e vi sono tracce cupe e quasi inquietanti (“Subterrean Life”, “At Morning Or At Dusk”) , accanto ad altre più aperte e di rinascita, come “Land Of Hope”.  Le chitarre, flauto, zither, piano, sintetizzatori, percussioni e la voce lontana ed eterea di The Child Of A Creek vogliono raccontarci la realtà e la memoria del mondo, anche se non sempre riescono nell’intento: l’album non è privo di difetti, a partire dalla pronuncia inglese poco sciolta, fino ad arrivare ad alcune deformazioni musicali, sicuramente premeditate, ma che non riescono a stare dentro al brano, quasi fuori luogo, come in “The Owl And The Moon”.

Pro

Contro

Scroll To Top