Home > Recensioni > The Creepshow: Run For Your Life
  • The Creepshow: Run For Your Life

    The Creepshow

    Data di uscita: 26-09-2008

    Loudvision:
    Lettori:

Carbone dolce o zucchero roccia

Abbassate le serrande, chiudete le porte, passate una mano di gel sulle vostre creste e accendete il vecchio televisore in bianco e nero, il Creepshow sta per cominciare! Gli interpreti, Sarah Sin (voce/chitarra), Sickboy (contrabbasso), The Reverend Mc Ginty (piano) e Matt Pomade (batteria), arrivano dal Canada e hanno avuto la fortuna di emergere grazie ad un buon disco di debutto e ad un tour che li ha portati anche in Italia. “Run For You Life” rispecchia apparentemente ogni cliché dello psychobilly declinato secondo l’estetica horror, ma in realtà nasconde un’inaspettata versatilità nei confronti del resto dello spettro pop-punk.

Mentre la biondina Sarah Sin ricorda non poco la Gwen Stefani dei No Doubt, gli azzeccati singalong sembrano provenire direttamente dalla California dei Bad Religion, introducendo una componente di hardcore melodico urlata al maschile sulla zuccherosa facciata rappresentata dalla front-woman. A dispetto di quanto l’estetica ci aveva portati a supporre, il country-punk e lo psychobilly da organo e contrabbasso se la devono vedere con elementi decisamente più moderni e freschi, supportati anche da una produzione pulita e up-to-date.

“Run For You Life” non è allora un disco per puristi delle pomate per capelli d’altri tempi, le sue virtù migliori sublimano quando ci si aspetta di trovare una dolce e sbarazzina fanciulla che ama agghindarsi con coloriti e vistosi ammenicoli. Lei non può nascondere il suo cuore pop e scanzonato, come noi non possiamo smettere di accompagnare la sua voce.
Alzate le serrande, aprite le porte e lasciate entrare questo luminoso raggio di sole nero!

Scroll To Top