Home > Recensioni > The Crystal Session: The Crystal Session
  • The Crystal Session: The Crystal Session

    Seahorse Recordings / audioglobe

    Data di uscita: 19-01-2014

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Per The Crystal Session il 2013 è l’anno dell’esordio e viene pubblicato un disco complesso dal titolo omonimo. Il duo di provenienza barese, anche se non si potrebbe mai riconoscere l’origine territoriale, è formato dalla bellissima voce di Marinella Dipalma, che oltre cantare suona i synth, e Francesco De Palma che assicura sostanza ai brani suonando il basso e la chitarra. Il disco si potrebbe definire dream pop, di una bellezza eterea che tende verso l’alto, come farebbero le guglie di una cattedrale gotica. Non per altro tra i riferimenti sono evidenti i Cocteau Twins e i Beach House, chiamati in causa dai Crystal Session, ma con il chiaro tentativo di trovare una propria identità musicale. Veri e propri riferimenti letterari sono gli scrittori Edgar Alan Poe ed Eminescu.

Ad aprire il disco ci pensa “Hypernion”, brano di una singolare bellezza, dove la voce cristallina di Marinella è avvolta da una sessione di percussioni ipnotiche. Un brano che farebbe invidia anche alle migliori composizioni di Four Tet. Dopo il brano di apertura, il disco prende direzioni diverse, dividendosi tra ballate eteree e cambi di ritmo. C’è di più di una semplice cantante, accompagnata da una base. C’è l’intensità di due personalità artistiche, che si amalgamano e che insieme sono in grado di raccontare piccole storie luccicanti come il ghiaccio.

Pro

Contro

Scroll To Top