Home > Recensioni > The Cumshots: Just Quit Trying
  • The Cumshots: Just Quit Trying

    The Cumshots

    Data di uscita: 29-09-2008

    Loudvision:
    Lettori:

Come una spruzzata di neve

Cercate “cumshots” su Google e troverete tutto tranne che notizie su questa band di Oslo. Il motivo sembra abbastanza ovvio ed è vecchio quanto la rete stessa, i Cumshots stessi – quelli con la C maiuscola – sembrano volerci giocare e sicuramente non si tirano indietro se si tratta di eccedere o dissacrare convenzioni e buone maniere.

Le gesta della truppa del frontman Max Cargo, novello emulo di Johnny Knoxville e del suo Jackass, sono già note sul palco e ben documentate in rete. Basta saper – o voler – evitare le inevitabili distrazioni che una tale ricerca può portare. Quello che arriva su disco, in particolare su questo incoraggiante “Just Quit Trying” del 2006 – riedito con parte multimediale soltanto ora, è un heavy rock’n’roll che sa molto di metal e di pastone scandinavo. La produzione, in particolare, inquadra rigidamente i dieci volgari pezzi dei Cumshots in uno schema sonoro molto banale, proprio dell’esplosione del metal estremo scandinavo di questo millennio.

Le intenzioni del disco si percepiscono però dirette verso un rock’n’roll estremamente grezzo e abrasivo, nel quale intervengono melodie spesso inefficaci e poco aderenti al contesto, che spesso si rifugiano nei cori per costituire l’anima memorizzabile di molti pezzi. In realtà l’effetto di contrasto non riesce particolarmente bene e neanche le singole parti brillano per efficacia. Resta un irruento groove di fondo sporcato da tutta la maleducazione che si possa (non) desiderare in un disco rock.

Scroll To Top