Home > Report Live > The Cyborgs: L’apertura della nuova stagione al Clash Club di Bergamo

The Cyborgs: L’apertura della nuova stagione al Clash Club di Bergamo

Sabato 4 ottobre prende il via la nuova stagione del Clash Club a Bergamo. Uno dei pochi locali in centro a Bergamo, che fanno musica di qualità e fino a notte fonda. Non una cosa da poco in una città come Bergamo, dove il silenzio si mangia quartiere dopo quartiere. La nuova stagione del Clash promette emozioni forti, come annuncia il titolo della rassegna “Louder Than Ever”. Saranno coinvolti alcuni tra i nomi più interessanti sulla scena musicale e le date saranno svelate volta per volta.

L’onore di aprire le danze aspetta ai The Cyborgs, interessante duo italiano, che mettono in scena un bellissimo spettacolo in bilico tra blues americano e boogie. Sono due i meriti fondamentali di questa band.

Il primo è quello di essere stati in grado di costruire un immaginario futuribile bellissimo, indossando maschere da saldatori e creando due personaggi di fantasia. Cyborg-0 e Cyborg-1 sono arrivati da un futuro in cui il mondo è andato “avanti”, la musica è finita, la luce del sole e i sogni non ci sono più. Sono tornati indietro nel tempo per cercare informazioni su che cosa fosse il blues e cercare di cambiare il futuro che hanno visto.

L’altro merito è quello di avere entrambi una tecnica spaventosa. Cyborg-0 suona la chitarra in modo magistrale, le sue dita si muovono a velocità pazzesca sulla tastiera. Cyborg-1 suona come una band intera: una mano suona una tastiera-basso, il resto del corpo suona la batteria.

A contribuire al loro immaginario, sul proiettore dietro ai due Cyborgs passano alcune scene in loop, prese da alcuni dei più famosi film di fantascienza. Per esempio c’è Neo, che schiva le pallottole. Quando i due vengono illuminati, la loro ombra viene proiettata ed entrano a far parte anche loro del film.

L’unione di queste caratteristiche ha creato qualcosa di esplosivo, uno show di un’ora e mezza circa, in cui il pubblico non ha mai smesso di tenere il tempo, muoversi e alla fine tutta l’energia accumulata è sfociata in un pogo.

C’è spazio anche per una suonata al piano di Cyborg -1, che intona una melodia da saloon western. Sembra quasi di vederlo, seduto ad un vecchio pianoforte, con un cartello “Non sparate sul pianista”. Quando con movimenti lenti, si alza e imbraccia una washboard, il pubblico è in visibilio. Polistrumentista e capace di suonare mille strumenti contemporaneamente.

Un live esplosivo pieno di vita, nonostante fosse fatto dai The Cyborgs.

La serata è andata avanti fino a notte fonda, con il dj set di Wallace Boys.

Buona la prima per il Clash Club. Aspettiamo con ansia le prossime date. STAY TUNED.

Scroll To Top