Home > Recensioni > The Dad Horse Experience: Too Close To Heaven
  • The Dad Horse Experience: Too Close To Heaven

    The Dad Horse Experience

    Data di uscita: 01-01-2008

    Loudvision:
    Lettori:

QUELLO MATTO

Che meraviglia. Immaginate un signore tedesco che dà di sé cenni biografici intenzionalmente fuorvianti e che, con il suo banjo e il suo yodel occasionale (!), suona una musica più Dixie della quale potrebbe esserci soltanto un cappello di paglia in Arkansas che rotola lungo le rive del Mississippi. Con un adesivo “orgoglio bianco” accidentalmente attaccato sopra.
Non ci riuscite? Infatti. Ecco che, a risolvere ogni dubbio, arriva The Dad Horse Experience: lui chiama quello che fa “Keller Gospel”, e come contraddirlo: dodici tracce di abluzioni radicate nelle sonorità e nella cultura del sud degli Stati Uniti.
Oltre al suo banjo, Dad Horse Ottn porta con sé soltanto un kazoo, un bass pedal, e la sua anima, quella a cui tende a fare esorcismi preventivi ad ogni nuova canzone (anche quelle in tedesco).

Ovviamente, con un personaggio simile, non si sa davvero se abbia trovato Dio o abbia trovato la cassa di bourbon sotto la paglia del carretto. È proprio questo che lo rende un supereroe invulnerabile.
Ascoltate “Too Close To Heaven” e anche a voi verrà da gridare: «PALUDE! Datemi una palude!».

Pro

Contro

Scroll To Top