Home > Recensioni > The Fighters – Addestramento di vita
  • The Fighters – Addestramento di vita

    Diretto da Thomas Cailley

    Data di uscita: 16-04-2015

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

Estate, Francia Sud-Occidentale, una piccola città dell’Aquitania. Alla morte del padre, Arnaud Labrède, 20 anni, ragazzo comune e taciturno, decide di aiutare il fratello nella piccola impresa di famiglia. Madeleine Beaulieu, 20 anni, robusta e affascinante, ruvida e borghese, ossessionata da profezie apocalittiche si prepara ad arruolarsi nei parà per imparare nuove tecniche di sopravvivenza.

Entrambi alla ricerca di una identità definitiva, si ritroveranno fianco a fianco in un centro di addestramento militare. Madeleine combatterà per se stessa, per spirito di autoconservazione, Arnaud combatterà solo per seguire Madeleine.

Premiato alla Quinzaine des Réalisateurs di Cannes 2014 e vincitore di tre premi César, “The Fighters – Addestramento di vita” è il primo lungometraggio del giovane Thomas Cailley. Tra allenamenti estenuanti, cronache catastrofiche, viaggi in moto, furetti acquatici e pulcini congelati, i sentimenti di Arnaud (Kévin Azaïs) e Madeleine (Adèle Haenel), percorrono strade provinciali parallele e dissestate. Il titolo originale ”Les Combattants” sottolinea da subito l’antagonismo dei personaggi: dalle prime immagini la macchina da presa catapulta i corpi di Arnaud e Madeleine in una dimensione bellica che ad uno sguardo superficiale potrebbe risultare forzata e farsesca. Cailley, invece, si muove disinvolto tra il buddy film, la commedia adolescenziale, il disaster movie di serie Z.

Ad ispirare il regista e a motivare molte sue scelte, è la guerra dei sessi, tema centrale della screwball comedy. Il primo incontro/scontro tra Arnaud e Madeleine avviene su una spiaggia durante un corso di autodifesa organizzato dall’ esercito. La ragazza stende a terra Arnaud. Il giovane, ammaliato dalla scontrosa bellezza di Madeleine la seguirà nella sua ostinazione verso la disciplina militare.

Nella screwball i contrasti generati dalla guerra dei sessi portano gli antagonisti ad innamorarsi dopo bizzarre peripezie. Nell’opera prima di Thomas Cailley la guerra dei sessi viene presa alla lettera. Audace ma a tratti confuso,”The Fighters” si regge su un sottile gioco semantico. Dopo l’addestramento, i conflitti generati dalla guerra dei sessi porteranno les combattants verso un’estrema prova di sopravvivenza. Forse, perduti nella Natura inquieta delle Landes, troveranno l’amore.

Pro

Contro

Scroll To Top