Home > Recensioni > The Flaming Lips: The Flaming Lips And Heady Fwends
  • The Flaming Lips: The Flaming Lips And Heady Fwends

    The Flaming Lips

    Loudvision:
    Lettori:

Amici con la erre moscia

Pensate se qualcuno facesse uscire un disco in cui, tra i tanti artisti scapigliati, outsider, ma soprattutto dediti alla sperimentazione, si infilassero punte di diamante del mainstream, tipo chessò: Chris Martin e Ke$ha.

Riuscite a elaborare un simil pensiero?
Beh, sappiate che non è un puro astrattismo. Rabbrividite, i Flaming Lips sono tornati!

Preceduto da alcuni EP, questo album è l’ipostasi delle collaborazioni musicali tra persone che a vederle bene sembrano non c’entrare un cazzo l’una con l’altra. Eppure l’arpa si mischia benissimo ai sintetizzatori distorti, i coretti sostengono senza problemi le voci che si scambiano il testimone. E poi Neon Indian si chiede se David Bowie stia morendo.

Il nostro voto è un 7.5, per essere precisi.
A parte il fatto che Le Labbra In Fiamme hanno escogitato dei titoli fenomenali – “You, Man? Human???” che vanta la partecipazione di Nick Cave, “I’m Working At NASA On Acid” e via dicendo -, ciò che sta dentro a ogni brano (per un totale di tredici) è un trip degno d’essere provato.
C’è pure Yoko Ono, dai.

Pro

Contro

Scroll To Top