Home > Recensioni > The Gathering: If_Then_Else
  • The Gathering: If_Then_Else

    The Gathering

    Data di uscita: 01-01-2001

    Loudvision:
    Lettori:

Melodicità che si fa stoner

Sinceramente: non ho mai capito cosa, di preciso, a pubblico e critica sia andato di traverso di quest’album. Album che, benchè imparagonabile per genio e complessità ai precedenti “How To Measure a Planet?” e, prima ancora, “Nighttime Birds”, possiede comunque anima e coerenza interne. “If_Then_Else” guarda di nuovo al rock; il suono, è quello che una band può produrre riprecipitandosi al suolo di ritorno da divagazioni celesti. I passi, è vero, sono forse ancora un po’ incerti, resi instabili dalle ripercussioni dell’urto; ma l’intenzione di riaggrapparsi ad una realtà più acustica e concreta c’è tutta… e s’ode, si percepisce. Una malinconia umana e romantica scorre e si ramifica, capillarmente, lungo l’intero percorso, inabissandosi soltanto all’esplodere, sporadico in episodi come “Shot To Pieces” e “Colorado Incident”, d’una certa attitudine stoner. Ed ancora, brani quali “Bad Movie Scene” od il singolo “Saturnine”, che partono in sordina riflessiva per poi urlare di dolore composto. E credetemi quando vi dico, che a questo lavoro tanto compatto quanto emozionante, debba andare la possibilità, ai vostri occhi, di redimersi: è un preciso dovere, morale ma, soprattutto, artistico.

Scroll To Top