Home > Recensioni > The Head And The Heart: Let’s Be Still
  • The Head And The Heart: Let’s Be Still

    The Head And The Heart

    Sub Pop / Self

    Data di uscita: 15-10-2013

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Provenienti da Seattle, i The Head And The Heart sono giunti al loro secondo album in studio, dopo il bell’esordio omonimo datato 2011. Il loro folk-pop, intriso di malinconia altamente emozionale (“Another Story” ne è un manifesto splendido), richiama da molto vicino i Kodaline e i Lumineers, recenti e interessanti scoperte del mondo folk. Il disco è composto da 13 pezzi, tutti più o meno sulla stessa falsariga. I ritmi sono molto compassati, con poche accelerazioni e pochi cambi di ritmo. Il tutto è molto gradevole. Nessun miracolo. Il disco ideale da mettere in macchina “on the road“.

Partiamo dal punto più alto del disco: “Josh McBride”. L’arpeggio iniziale e la voce ci avvicinano molto ai Rue Royale, con la doppia voce coinvolgente ed emozionante. “Another Story” è il classico singolo ammazza-classifiche, coadiuvato anche da un video molto bello e appropriato. Il passaggio con gli archi dal bridge al chorus è qualcosa di meraviglioso. La title-track, che apre la seconda metà dell’album, a livello emozionale è l’apice del lavoro, con riff di chitarra, batteria sofficemente incalzante e una melodia quasi strappalacrime. Seconda prova superata, anche se manca forse quel tocco di coraggio che avrebbe giovato all’intero lavoro.

Pro

Contro

Scroll To Top