Home > Recensioni > The Hoosiers: The Trick To Life
  • The Hoosiers: The Trick To Life

    The Hoosiers

    Data di uscita: 28-03-2008

    Loudvision:
    Lettori:

Unire il dilettevole alla vitalità

The Hoosiers vuole essere sinonimo di coraggio e laboriosità secondo la tradizione dell’Indiana, oppure di sfaccendato e sobillatore secondo l’etimologia francese. Ascoltando il debutto su RCA “The Trick To Life” viene certamente in mente la seconda traduzione, vuolsi così per lo straordinario colore dell’interpretazione vocale di Irwin Sparkes, ed anche per la spensieratezza nella musica del trio.
“The Trick To Life” raggiunge un risultato decisamente marcato, dal cantato un po’ istrionico e che predilige linee spesso giocose e sopra le righe, all’energia sprigionata dai brani stessi, come l’allegro martellare del pianoforte di “Goodbye Mr. A”. Un po’ di furbizia, rubata ai The Turtles di “Happy Together” nel singolo apripista in Italia “Worried About Ray”, fa esplodere quella miscela di ritmica divertita, atmosfere improvvisamente più spesse e l’anima guizzante irresistibilmente brit-pop. Nel tentativo di non ripetersi, i The Hoosiers rendono facilmente distinguibili i momenti più pacati e melodici, vagamente introspettivi e sensibili, cosparsi dell’uso di falsetti (a significare una spiccata emozionalità) e dialoghi armonici di chitarra acustica e piano (“A Sadness Runs Through Him”, “Run Rabbit Run”). Ma alla fine è la vena furba e scanzonata, con le filastrocche di Sparkes che suonano talvolta come piccoli scioglilingua, la dominante della proposta musicale, ed è forse ciò che maggiormente contraddistingue il trio inglese: ammiccanti, non originali, ma con indubbio gusto. Ed anche un discreto fascino pop ed energetico.

Scroll To Top