Home > Recensioni > The Horrors: V
  • The Horrors: V

    Wolftone / Caroline International

    Data di uscita: 22-09-2017

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

E’ uscito il 22 settembre, per la Wolftone/ Caroline International, il quinto album degli inglesi The Horrors, “V” per l’appunto. Il disco, prodotto da Paul Epworth, sarà seguito da un lungo tour che li porterá in italia per due date esclusive il 5 dicembre – Magnolia – Milano ed il 6 dicembre – Locomotiv – Bologna.

Dieci anni fa, cinque ragazzi britannici attratti dal punk, crearono il loro primo lavoro, superando il pericolo di diventare l’imitazione di… piuttosto che una boyband idolatrata dalle ragazzine. Uno  stile che negli anni si è  sempre più affinato abbandonato il grezzo punk e virando verso lo psych-pop di Skying si sono mostrati la cartina di tornasole di un’inversione di rotta che l’indie rock europeo di Primary Colours e Skying.

Arriviamo così a “V”, più che i singoli brani, è la loro amalgama a rendere valido il disco. Un lavoro che richiede vari ascolti, poiché il giusto mood cresce col tempo, nonostante ad una prima impressione suoni molto più easy rispetto al materiale del passato.  Il tutto senza dimenticare il cuore sonoro che da sempre muove i The Horrors: quella psichedelia progressiva che si manifesta vuoi nella durata non propriamente radio-friendly di quasi tutti i brani del disco, ma anche in canzoni puramente introspettive come “Weighed Down” e “Ghost”.

Sta di fatto che l’evoluzione continua e i The Horrors non tendono a ripetere formule già scritte. Molto bene.

 

Pro

Contro

Scroll To Top