Home > Recensioni > The Indelicates: American Demo

Dell’arte di non essere pacchiani

O anche: del riempire il vuoto lasciato dai Dresden Dolls con l’ultimo, mediocre “No, Virginia”. Ma se preferite: del dimostrare che gli Arcade Fire stanno facendo scuola, se è vero che “American Demo” è pop che omaggia il passato, è super-arrangiato, ha buon gusto, è melodico q.b.

The Indelicates nasce come duo, uomo&donna, dove “donna” è un personaggio improbabile in un contesto di questa qualità: stiamo parlando infatti di Julia Clark-Lowes, ex delle Pipettes. “Uomo” è Simon Clayton, del quale sappiamo poco. Ai due si sono poi aggiunti Alastair, fratello di Simon, e altri due individui chiamati Kate Newberry e Ed Van Beinum.
“American Demo” è il debutto su full-length, ed è già candidato al titolo di disco dell’estate 2008. Il suono oscilla tra Inghilterra e America, con richiami evidenti ai magnifici Pulp, “tastierosità” barocca à la Arcade Fire, qualche chitarra un po’ cattiva ad accompagnare la vocina da angelo di Julie (“Stars”). La Pipetta si alterna con Simon al microfono, secondo la più classica regola del “una canzone io, una canzone tu”. C’è da abituarsi al timbro di entrambi, ai limiti dello zuccheroso quello di lei, caldo e interpretativo quello di lui. Ma in fondo questo è uno dei punti di forza del disco.
Che risulta un po’ troppo lungo (un paio di canzoni in meno non avrebbero guastato), tende all’eccessivo lirismo nei pezzi conclusivi ma è strapieno di ritornelli bubblegum, piccole chicche in sede di arrangiamento e tanta ironia/sarcasmo; soprattutto nei testi, intelligenti e pungenti, altro particolare che li accomuna alla band di Jarvis Cocker. Come dimostra (e non fatevi ingannare dal titolo, non c’è alcun cattivo gusto) la ballatona “If Jeff Buckley Had Lived” – leggere per credere. O anche l’acida “We Hate The Kids”, primo singolo tratto da “American Demo”.

Insomma, niente miracoli né rivoluzioni, ma un perfetto disco da spiaggia. In attesa dell’autunno, per capire se possa durare davvero.

Scroll To Top