Home > Recensioni > The Killers: Live From The Royal Albert Hall

The Killers: Live From The Royal Albert Hall

Prendi i Killers e mettili sotto l’albero

Sarà che i nostri regali di Natale stanno tanto a cuore alle case discografiche, ecco perché arrivano puntualissimi – a partire da un mese prima della Santa Festa – i cofanetti DVD+CD, ovviamente live. Una delizia per gli occhi e le orecchie dei più fervidi ammiratori della band di turno; croce, invece, per tutti coloro che entrano nel negozio di dischi di fiducia in cerca di sorprese. In questo periodo però siamo tutti più buoni, quindi sopportiamo, e magari arriviamo alla cassa chiedendo di far impacchettare il doppio regalo ad una commessa con in testa un cappellino rosso e bianco (sorpassato, forse, solo dal must della stagione: le corna di renna).

Ma torniamo a noi: quest’anno è la volta dei Killers e del loro concerto sold out registrato il 5 e 6 luglio scorso alla Royal Albert Hall di Londra. Un concerto come tanti che ha radunato i fan pronti a ballare ancora, ancora e ancora. Nascono dall’ispirazione che sono stati in grado di dar loro gli Oasis e ai fratelli di Manchester sembrano tanto somigliare in certi momenti meno danzerecci. Per il resto c’è un gruppo indie dai pantaloni stretti che tanto piace ad MTV con una carica di energia che non può lasciare indifferenti.

“Live From The Royal Albert Hall” raccoglie, come un buon concerto suggerisce, tutti i successi della band di Brandon Flowers che già da tempo intendeva racchiudere in un disco diverse versioni live delle sue canzoni, come modellate a sua immagine e somiglianza. Quello che invece viene fuori è un lavoro che accontenterà soltanto chi, in quel caldo luglio, non è riuscito a trovare i biglietti. Allora sì che avrà un senso vederli e ascoltarli, come tornare indietro ed avere un pizzico di fortuna in più al botteghino. L’intenzione, però, di personalizzare i brani non è mantenuta: “Human”, “Somebody Told Me”, “When You Were Young” e gli altri piacevolissimi successi somigliano troppo a ciò che già conosciamo, con l’unica differenza di urla e applausi provenienti da sotto il palco.

Un’autocelebrazione. Si potrebbe definire così la trovata natalizia dei Killers (e di chi ne guida i fili dall’alto). Un dvd di due ore girato con una precisione non invidiabile e che soddisfa poco i più curiosi nelle intromissioni dietro le quinte. Ottanta minuti sono quelli del disco che sembrano ribadire quanto-sono-bravi-e-belli questi ragazzotti di Las Vegas.

Non c’era bisogno di un live come questo, ne siamo certi. E non ce ne vogliano i più affezionati, né chi li paragona alle grandi rock/pop star passate proprio per la Royal Albert Hall. Noi da qui, senza impacchettare nulla, ci godiamo i dischi passati. E balliamo ancora.

Un consiglio: sotto l’albero mettete “Hot Fuss”, se vi va bene lo troverete anche in sconto. Intanto vi prenderete il merito di aver regalato un bel disco.

Pro

Contro

Scroll To Top