Home > Recensioni > The Last Shadow Puppets: Everything You’ve Come To Expect
  • The Last Shadow Puppets: Everything You’ve Come To Expect

    The Last Shadow Puppets

    Domino Records / none

    Data di uscita: 01-04-2016

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Come già anticipato nel mese di dicembre attraverso un paio di video apparsi sulla loro pagina Facebook, e in quello di gennaio con la pubblicazione della clip di Bad Habits, i The Last Shadow Puppets sono pronti a rilasciare ufficialmente il loro nuovo album, atteso sugli scaffali e nei digital stores venerdì 1° aprile. Everything You’ve Come To Expect (Shangri La Recording Studios) è il secondo lavoro firmato da Miles Kane e Alex Turner, confermando sicuramente il talento brit-rock dei due enfant prodige, ma lasciando anche qualche perplessità sull’effettivo risultato di questo secondo capitolo. Complice sicuramente il fantasma delle aspettative partorito dopo l’ascolto di The Age Of The Understatement (2008).

Le danze si aprono con un’ammiccante Aviation che fa ben sperare sullo sviluppo del disco. In realtà, brani come Miracle Aligner, Dracula Teeth, The Element of Surprise o Used To Be My Girl non sembrano alimentare una sincera voglia di prestarsi all’ascolto, quanto piuttosto la curiosità di scorgere in ogni traccia l’elemento di distinzione che non sia semplicemente una linea melodica. A salvare la palla in calcio d’angolo, però, ci pensano Bad Habits, Sweet Dream, TN e The Dream Synopsis, cui viene affidata la chiusura dell’album.

Probabilmente, chiunque 8 anni fa avesse scommesso sull’effettivo successo di questo disco potrà sicuramente raccogliere i frutti sperati. Qualche palato più esigente, invece, eviterà semplicemente di acquistarlo.

 

Pro

Contro

Scroll To Top