Home > Recensioni > The Milk Carton Kids: The Ash & Clay

Come Bret e Jemaine, ma più seri

Il duo formatosi a Eagle Rock dalla carne e dalle ossa di Kenneth Pattengale e Joey Ryan riappare nel 2013, a distanza di due anni dall’esordio avvenuto con “Retrospect”.

Anche in “The Ash & Clay” il folk di vecchia matrice impregna ogni giuntura dei brani, quasi fosse un olio che spegne i cigolii di un passato imponente- rappresentato dall’intramontabile coppia Simon And Garfunkel- affinché ogni singolo movimento armonico riesca a conciliarsi al presente senza risultare impacciato o goffo.
Non mancano d’altro canto le strizzate d’occhio a colleghi contemporanei quali Iron & Wine, omaggiati specialmente nella canzone intitolata “Each Coming Night”.

Unica pecca nel fiume di espressività: quanto sono rigidi i due, forse troppo.

Fin dal primo ascolto questo disco è in grado di fare la felicità sia dei nostalgici di ciò che fu sia dei più contemporanei a cui il passato non interessa in maniera eccessiva. Il suono è fresco, sebbene le fonti a cui il duo attinge siano impossibili da ignorare (sono grandi, grandissime). Si riscontra però un senso di serietà enorme, come se la coppia non potesse mai fare dell’ironia o dell’umorismo; un po’ come i Flight Of The Conchords, ma con l’ingessatura.

Pro

Contro

Scroll To Top