Home > Recensioni > The Oranges: Hit The Centre
  • The Oranges: Hit The Centre

    The Oranges

    Loudvision:
    Lettori:

Arance arancioni di Lombardia

Brescia, la Leonessa d’Italia, non è certo rinomata per le arance. Ma il trio The Oranges, direttamente da Desenzano, prova a cambiare le consuetudini con un divertente album di garage rock’n’roll, ben sopra la media rock nazionale, che si poggia da qualche anno su pilastri fondamentali quali le zeppeliniane Vibrazioni e i Muse de noantri chiamati Negramaro.
Zak, Nico e Mav nel loro esordio “Hit The centre” si destreggiano con disinvoltura tra vintage rock collegiale e momenti più sostenuti, figli diretti di una tradizione mai estinta. Ci si può sbizzarrire nello scovare all’interno dei 35 minuti dell’album le influenze più disparate, a partire da The Small Faces e The Kinks, per l’ambito retrò, oppure The Stooges e Buzzcocks, quando è il momento di premere sull’acceleratore. Non da disdegnare anche qualche comprensibile strizzatina d’occhio per realtà appartenenti alla contemporaneità come The Strokes e primi Blink182.
Con l’augurio che queste arance possano togliere la scomoda buccia dei concerti-gavetta limitati al Lago di Garda e dintorni, intanto un bel pollice alto non glielo neghiamo di certo.

Scroll To Top