Home > Recensioni > The Parlor Mob: And You Were A Crow
  • The Parlor Mob: And You Were A Crow

    The Parlor Mob

    Data di uscita: 27-03-2009

    Loudvision:
    Lettori:

Vestivamo alla rockettara

Avete presente l’operazione nostalgia compiuta dai Wolfmother qualche tempo fa? Led Zeppelin, Black Sabbath, anni ’70, riff, bluesaccio sporco…
Ecco, i Parlor Mob di “And You Were A Crow” fanno esattamente la stessa cosa. Dodici pezzi brevi e incisivi, un hard rock classico che più classico non si può, qualche tentazione quasi metal come in “Dead Wrong”, voce sguaiata e così via.

La recensione potrebbe finire qui: cos’altro dire di un disco che altro non è se non l’ennesima reinterpretazione di una lezione vecchia trent’anni? Forse potremmo spiegarvi che i suoni sono ottimi, il groove c’è e non ci si può certo annoiare ascoltando “And You Were A Crow”.

Quello che manca è il colpo di coda, la personalità, quel quid in più che aveva caratterizzato i succitati Wolfmother e la cui assenza impedisce ai Parlor Mob di diventare qualcosa di più di un divertissement per appassionati.

Amici Parlor Mob, scordatevi di finire in Guitar Hero o in Jackass. Siete troppo sfacciati e insieme non lo siete abbastanza, non sapete mascherare la vostra assenza di personalità né avete idee abbastanza brillanti da farvi spiccare nel nutrito panorama di revivalisti degli anni ’70. Scrivete bei pezzi, questo è vero: sicuramente ci sarà chi saprà apprezzare. Purtroppo per voi, temiamo non saranno in molti.

Pro

Contro

Scroll To Top