Home > Recensioni > The Party Favors: The Last Slice Of Cake
  • The Party Favors: The Last Slice Of Cake

    The Party Favors

    Loudvision:
    Lettori:

W l’allegria. W le feste. W i Party Favors

Già dalla copertina si capisce quale sarà l’atmosfera che ci aspetta in queste dieci canzoni. La festosità del packaging, infatti, si riflette alla perfezione nei contenuti musicali. Allegria, giocosità e spensieratezza, emanata già dall’opening track “Power Hour With Carla”, che parte piano per sfociare in un pop brillante e accattivante (come in tutti i brani qui presenti del resto). La presentazione del disco, allegata all’album, è interessante anche se potrebbe risultare come una bella presa in giro da teenager. I ragazzi invece, pur giovani, dimostrano consapevolezza in brani che non fanno certo della pretenziosità la propria principale linea guida.

Pop puro, ma mai banale. Non ci sono canzonette, solo brani ben scritti e ben prodotti. “Yes! Weekend” è senza dubbio il migliore, con una linea melodica interessante aiutata anche da una voce ben inserita nel contesto strumentale. La presenza di una batteria elettronica non risulta fastidiosa ed risulta quasi perfetta in un contesto dove la leggerezza del suono è il punto forte. In “Winter Of My Caravan” ci troviamo davanti ad una splendida ballad, tanto invernale e triste da staccarsi e distinguersi rispetto al resto del disco, permettendo di rallentare il ritmo per poi ripartire con atmosfere decisamente più “party-oriented”.
Un bel disco. E tanti saluti al “Sig. Scatola”.

Pro

Contro

Scroll To Top