Home > Recensioni > The People Speak: The People Speak

Pressione musicale

Lo si capisce subito dalla copertina che il nuovo album ideato dai People Speak è al di fuori degli schemi. Irreverenti con la loro tonalità indie, Mari, Rob, Niki e V puntano a sconbussolare l’ascoltatore trascinandolo con messaggi subliminali ai balli più scatenati.

Un ottimo risultato lo regala anche l’alternarsi delle voci maschile e femminile che si sostengono a vicenda creando ancora più pressione già sottoposta a duri sforzi dalla batteria e dalle chitarre. Il basso a volte distorto va a nozze con gli effetti dati dal synth che forniscono altri watt alla centrale energetica The People Speak.

Sicuramente nei loro live non c’è spazio per la noia, anzi il divertimento sta anche nel vedere gli indie più scatenati ballare senza rovesciare la birra contenuta nei loro bicchieri di plastica.

Il punto a sfavore è la troppa ripetitività, ma questo non è un vero problema, tutt’al più più una caratteristica di un genere musicale tirato, allegro e energetico.

Pro

Contro

Scroll To Top