Home > Recensioni > The Rapture: Tapes
  • The Rapture: Tapes

    The Rapture

    Data di uscita: 18-10-2008

    Loudvision:
    Lettori:

Play-Rec and Hold

Una compilation. Con questo si presentano oggi i The Rapture, a distanza di due anni dalla loro ultima fatica di studio, “Pieces Of The People We Love”. Una raccolta di remix perfetta per godere della giusta atmosfera vintage quanto basta mentre si gusta un aperitivo. Perché dalla Dance degli anni ’70 alla più recente House, dai Martin Circus a Thomas Bangalter passando per Don Armando’s Second Avenue Rumba Band e Ghostface Killah, le 22 tracce contenute in “Tapes” si dimostrano un perfetto sottofondo per lo scenario.

Il disco. Un’operazione di remix volta soprattutto all’attualizzazione e un’operazione di cernita di brani che predilige la radice dance della band statunitense. E che, come richiama il titolo, ricorda le care vecchie cassette miste di cui tutti siamo stati autori. Un’idea, quella della compilation, che potrebbe assolvere un compito pedagogico nell’istruire il fan, ammesso che i brani scelti possano essere ritenuti istruttivi. Simpatica poi l’ipotesi della condivisione di scelte di gusto, che avvicinano in qualche modo lo stesso fan al processo creativo che avviene nella mente del musicista. O forse, quella della compilation, potrebbe essere interpretata dai più maliziosi come un riempitivo, per non sprecare tempo e denaro nell’attesa che arrivi l’ispirazione per nuovi inediti.

A voi la scelta. In ogni caso, sappiate che “Tapes” potrebbe tornarvi utile nel caso abbiate in programma una festa a bordo piscina.

Scroll To Top