Home > Recensioni > The Rodeo: Music Maelström
  • The Rodeo: Music Maelström

    The Rodeo

    Data di uscita: 12-03-2010

    Loudvision:
    Lettori:

Il nuovo vecchio folk

The Rodeo è Dorothée Hannequin, giovanissima francese che canta in inglese: tutti i presupposti per odiarla.
Invece no! Ms.Hannequin, a partire dal nome della sua one woman band, ha assorbito a tal punto la cultura nordamericana da potersi muovere agevolmente tra generi e voci del territorio, con un occhio di riguardo per il country e il folk tout court. Nell’album c’è persino un brano, “Uncle Sam”, che sembrerebbe spiegare il rapporto di attrazione/repulsione con gli Stati Uniti.

The Rodeo è innanzitutto Dorothée e la sua chitarra (e un violinista e un batterista per i concerti).
Si è già parlato del cantato? Si sentono pochi esordi con una voce così espressiva. La Hannequin sa incarnarsi nell’acido Motown, nella Seguace Introversa di Billie Holiday, nel puro piacere folk di una futura Elizabeth Cotten, la prima ad avere carattere.

I detrattori potranno anche dire che la ragione per cui The Rodeo ha così tante voci sia dovuta al fatto che sta imitando le sue ispiratrici. Malfidenti, ciniconi. Se così fosse non sentireste vibrare la vita sotto ad ogni canzone. The Rodeo: una Simone White meno noiosa. The Rodeo: giovanissima francese che canta in inglese e fa piazza pulita dei pregiudizi sulle francesi che cantano in inglese.

Pro

Contro

Scroll To Top