Home > Recensioni > The Rust And The Fury: See The Colors Through The Rain
  • The Rust And The Fury: See The Colors Through The Rain

    Woodworm / audioglobe

    Data di uscita: 19-09-2014

    Loudvision:
    Lettori:

Il secondo album dei The Rust And The Fury ha un titolo ottimista e speranzoso: guardare i colori attraverso la pioggia, osservare il mondo con un occhio positivo, vedere il bello anche nella sfiga nera. Un atteggiamento difficile da assumere nella vita quotidiana, e ancora di più in un progetto musicale, soprattutto considerati i già masticati discorsi sulla crisi e sul periodo in cui viviamo. Ma la band perugina sfida con energia le aspettative dopo l’album d’esordio “May The Sun Hit Your Eyes” e si butta in nuove atmosfere, cambiando quasi stile, dandosi a un rock miscelato all’indie-rock e al folk, che addolcisce decisamente le linee musicali.

Le tematiche sono varie e bisogna ammettere, non così banali: il tema della casa e della ricerca di punti fermi;  “Amanda”parla di una ragazzina canadese vittima di cyber bullismo che arriverà al suicidio; in “Green” vengono raccontati percorsi di catarsi volti alla cancellazione di macchie ed errori commessi in passato, affidandosi alle proprietà curative delle piante (quanti nelle loro canzoni parlano di proprietà curative delle piante?); ed infine, per tornare al titolo dell’album chiudendo il cerchio, il tema dell’azione purificatrice svolta dalla pioggia, che racchiude in sé delle contraddizioni. L’uso dei cori e dei cambi di registri (“The Second In Between” sembra una canzone degli anni ’90) danno grande varietà all’album, a cui manca però una vera voce predominante e d’impatto che sappia tenere in piedi la struttura del tutto.

Pro

Contro

Scroll To Top