Home > Recensioni > The SuperEgos: Afterglow

Tasti spaziali

Data astrale: luglio 2010. Diario di bordo del capitano: Abbiamo captato nuovi segnali musicali emessi da pianeti sconosciuti. Dopo un’attenta analisi del signor Spock possiamo accertare che si tratti di musica elettronica provocata da pressioni del dito su strumenti che producono loop e suoni adatti per questo paesaggio lunare che circonda l’Enterprise.

Emissioni musicali ben eseguite, ricercate e spesso affiancate da parti di drum machine che danno ritmo agli effetti distorti o da riproduzioni di violino. Tutto l’equipaggio, sottoscritto (= capitano) compreso, è sbalordito di fronte a queste composizioni.

Riteniamo che queste cinque track accompagneranno degnamente il viaggio verso nuovi mondi, altre galassie.

Scherzi a parte, i The SuperEgos sono serissimi, e ci allietano con la loro musica ormai da molti EP e CD.
Il progetto, nato nel 2007, è la chiara dimostrazione che la musica è fatta anche di tasti, manopole e non solo corde, voce e batteria. Che piaccia o no, questa è la verità.

L’ideatore di tutto ciò è Francesco Nguyen, da noi ormai considerato il capitano Kirk della musica elettronica.

Pro

Contro

Scroll To Top