Home > Recensioni > The Sweat: The Futility Of A Well-ordered Life
  • The Sweat: The Futility Of A Well-ordered Life

    The Sweat

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Livornesi sudati

The Sweat è un italianissimo progetto rock-hardcore dai testi unicamente anglofoni. E non è male, se si pensa che al primo ascolto d’italico non appare alcunché (o quasi).
L’album di debutto altro non è che la collezione di undici tracce grezze e dure, dal sapore amarognolo, che mostrano le qualità di musicisti di questi ragazzi.

Essendo il genere assai sfruttato – e a volte usurpato da certi individui -, la pecca evidente risiede nella scarsa originalità degli arrangiamenti, i quali, a lungo andare, finiscono per ripetersi progressivamente.
Ad ogni modo, l’energia non manca, così come i riff intriganti di chitarra elettrica, il basso distorto e la batteria serrata.

Per essere il primo vero e proprio lavoro ufficiale della band livornese, i complimenti vanno al talento che ha solo bisogno di svilupparsi e venire educato dall’esperienza.
Chi ha già assaggiato i Middle Class Rut o gruppi simili, di certo guarderà di buon occhio la novità italiana.

Pro

Contro

Scroll To Top