Home > Recensioni > The Unsense: Il Pifferaio Di Pandora
  • The Unsense: Il Pifferaio Di Pandora

    The Unsense

    Loudvision:
    Lettori:

Nero eclettismo

Immaginate una stanza buia, cubica, al centro della quale sta una sedia, illuminata da un faretto puntato verticalmente. Il non senso è proprio questo.
Un dado di nero umore al cui fulcro si trova un punto bianco che dà significato alle parole apparentementi deliranti che compongono le liriche. Una voce teatrale, mai falsa però, circondata da accordi dissonanti e con quel non-si-sa-che di arabeggiante.
Cupi, che più cupi e tetri non si può.
“The Bitch Song Por Dios” meglio esprime l’insieme di tali elementi, portandoli al limite delle loro gabbie.

Un po’ blues, un po’ sperimentali e concettuali, molto negativi ma in senso pregevole: questi sono e si spera che gli altri comprenderanno.

La musica di The Unsense, gruppo lombardo emergente nella scena indipendente d’Italia, piacerà soprattutto ai personaggi dai tratti eretici e irriverenti che vogliono dire basta ai soliti cliché e lavarsi per bene le orecchie ormai sature di quarzate discotecare o perdutamente pop.

Pro

Contro

Scroll To Top