Home > Recensioni > The Voices Factory: Velvet Underground Tribute

I Velvet Underground insegnano canto

Ottima idea quella del laboratorio vocale The Voices Factory, tenuto da Alice Albertazzi: far esercitare le allieve mettendole alla prova con una reinterpretazione dei brani dei Velvet Underground.

Impresa azzardata? Forse, ma dalla riuscita più che buona. Il risultato è particolarmente interessante, in quanto le belle voci femminili ammantano le canzoni di un’atmosfera allegra e positiva, grazie anche all’accompagnamento musicale, esclusivamente in acustico (si vedano “Sister Ray” e “Venus In Furs”).

Senza dubbio le allieve usciranno dal laboratorio preparatissime: questo non è altro che uno dei dischi, realizzati ogni anno, che hanno lo scopo di concretizzare quanto da loro imparato.

Anche gli amanti della musica dei Velvet Underground apprezzeranno questa rivisitazione, che non toglie niente alle canzoni originali, limitandosi a mostrarle con un altro aspetto. Un bell’esercizio per le allieve e una bella occasione per gli appassionati di musica di affrontare, sotto una luce diversa, quelli che sono classici della musica rock. Naturalmente le canzoni sono completamente diverse dalle originali, ma, cercando sotto i coretti femminili, qualcosa dell’atmosfera dei Velvet Underground è rimasto.

Pro

Contro

Scroll To Top