Home > Recensioni > The Wallflowers: Glad All Over
  • The Wallflowers: Glad All Over

    The Wallflowers

    Data di uscita: 09-10-2012

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

La strada vecchia

Vedi alla voce “derivativo” e leggi “The Wallflowers”, la band capitanata dal figlio d’arte Jakob Dylan, riformata nel 2011 e dedita a un rock adulto, sofisticato e un pelo vintage.

Lungo le undici tracce il timbro vocale e un frammento della poetica del papi convergono su un’attitudine verso i brani in estasi da Springsteen, in modo che il cantastorie di “First One In The Car” si approssimi al danzatore a luci soffuse di “It’s A Dream” e al tipo funkettone (d’alto borgo?) di “Misfits And Lovers”. Il contributo ritmico di Mick Jones dei Clash è più di un’ospitata, ha la forma di un elemento essenziale per il carisma del disco.

“Glad All Over” è un non esplosivo disco da automobile, a tratti rifulgente di luce propria ma più spesso fioco come una lampada da cucina. L’ascolto è disteso e molleggiato, perso in un tripudio di “già sentito” caldi e confortanti, dove – in fondo alla larga strada polverosa – tutte le note insieme compongono il puzzle col bandierone degli Stati Uniti d’America.

Pro

Contro

Scroll To Top