Home > Recensioni > The Yellow: LOL-a-Bye
  • The Yellow: LOL-a-Bye

    The Yellow

    Martelabel / none

    Data di uscita: 12-12-2013

    Loudvision:
    Lettori:

È un accattivante gioco di parole quello che The Yellow hanno scelto per il loro album d’esordio (preceduto da un EP omonimo nel 2011 e lo scorso dicembre dal singolo “Last Steps”): si presentano dunque come una band brit-pop, ma Gianluca Damiani (voce, chitarra acustica, piano), Francesco Loiacono (chitarra elettrica) e Claudio Mazzarago (batteria, percussioni e campionamenti) sono tre giovani musicisti di Bari.

Il disco è combinazione delle influenze che ciascuno dei tre ha portato con sé, ed è proprio la tematica dell’incontro ad essere esplorata in queste 10 tracce di debutto: “L’incontro con una persona è un mondo che si apre, un viaggio che parte dalla prima stretta di mano e va oltre: LOL-a-bye racconta proprio questo, cosa c’è dietro ogni individuo”; in ogni canzone c’è il tentativo di indagare oltre le apparenze “tentando di andare oltre le banalità che raccontare il quotidiano comporta.

È interessante il tentativo di conciliare tre impostazioni diverse: volendo scomodare grandi (o perlomeno celebri) nomi la chitarra acustica spesso evoca le sonorità di un'”Electical Storm” degli U2, la struttura di alcune tracce fa pensare ai Keane (“ComeBack”) o ai primi The Killers (“Summer Stars”), la voce limpida e intensa di Damiani talvolta regala virtuosismi alla Adam Lambert; eppure non sembrerebbe che sia il modello brit-pop a farla da padrone, perché c’è tanta influenza del rock-pop d’oltreoceano (aspirando a Goo Goo Dolls e Smashing Pumpkins). È un amalgama ancora confuso, dunque, una premessa con potenziale, si spera.

Pro

Contro

Scroll To Top