Home > Recensioni > The Zen Circus: Canzoni Contro La Natura
  • The Zen Circus: Canzoni Contro La Natura

    La Tempesta Dischi / warner

    Data di uscita: 21-01-2014

    Loudvision:
    Lettori:

Tornano, ancora una volta. Dopo un 2013 “sabbatico” che ha visto lo svilupparsi dei progetti solisti del batterista Karim e del cantante Appino, gli Zen Circus si ributtano nella mischia con il loro ottavo album in studio, “Canzoni Contro La Natura”. È soprattutto l’esperienza solista di Appino ad influenzare lo stile di questo disco, soprattutto dal punto di vista musicale. Gli Zen abbandonano in parte la loro polemica verso l’Italia (quasi un marchio di fabbrica) per esplorare lo scontro tra uomo e natura, cercando di raccogliere e trasmettere attraverso la registrazione in studio (condotta esclusivamente dai membri della band, senza produttore e fonico) la forza e l’energia che caratterizzano i concerti del gruppo.

È un disco strano, quello che ci propongono gli Zen. Altalenante, pieno di echi e rimandi, di energia che però a volte si disperde. Mi ha fatto un po’ storcere il naso “Postumia”, che, certo, a parte il testo, sembra uscire direttamente dal disco solista di Appino, mentre il brano conclusivo “Sestri Levante” trascina direttamente in una Liguria stile Otis Redding. Ci vuole attenzione, diciamo, per entrare al meglio in quest’album, capirlo e apprezzarlo. Consigliato riascoltarlo più volte.

Pro

Contro

Scroll To Top