Home > Recensioni > The Zen Circus: Il Fuoco In Una Stanza
  • The Zen Circus: Il Fuoco In Una Stanza

    Woodworm / none

    Data di uscita: 02-03-2018

    Loudvision:
    Lettori:

Esce il 2 Marzo per Woodworm Label e La Tempesta Dischi, il nuovo lavoro “Il fuoco in una stanza” targato The Zen Circus. Un grande impeto di vitalità creativa con rimandi a citazioni musicali che allargano i confini del loro universo sonoro, in cui dei vecchi amori risaltano soprattutto i Pixies.
Catene” apre ed anticipa questa raccolta di 13 inediti, affrontando fin da subito ciò che si snoderà per le successive tracce: i rapporti interpersonali, intimi e taglienti che plasmano e definiscono la nostra identità. La band sembra voler dar voce a una fetta di società che non conosce gap generazionale, quasi come se negli ultimi vent’anni non fosse cambiato nulla perché i punti interrogativi di chi oggi ha quarant’anni spesso trovano convergenza in chi di anni ne ha la metà. Nei testi non si fanno sconti ed emerge tutta quanta la precarietà low cost dei nostri tempi, dagli affetti, ai rapporti familiari e alle prospettive di vita. La narrazione parte dagli altri per parlare fondamentalmente di sé stessi, come ben evidenzia “Questa non è una canzone”, il suggello del disco, intenso affresco cantato in prima persona a chiudere un cerchio in cui anche noi stessi possiamo raccontare gli “altri”. Un disco ben prodotto, con suoni che, pur mantenendo spesso quell’atteggiamento scanzonato tipico della band, si allargano anche a ricercate partiture orchestrali.

di Melody Zucchetti

Pro

Contro

Scroll To Top