Home > Recensioni > THEESatisfaction: EarthEE
  • THEESatisfaction: EarthEE

    Sub Pop / none

    Data di uscita: 20-02-2015

    Loudvision:
    Lettori:

Il duo hip hop/R&B di Seattle tutto al femminile THEESatisfaction, composto dalla rapper Stasia “Stas” Irons e dalla cantante Catherine “Cat” Harris-White, ci sorprende ancora una volta dopo il magnifico debutto del 2012 “awE naturalE”, di cui questa nuova release sembra un’espansione in continuo mutamento di forma e colore.

Earth + Thee = “EarthEE”, un po’ come se le due artiste volessero dirci già dal titolo “Il pianeta Terra siete voi”. Fin dall’apertura “Prophetic Perfection” si respira un’atmosfera cosmica, come se ci si immergesse in uno spazio sconfinatamente buio, profondo, rischiarato solo dalle mille sfaccettature che la musica delle THEESatisfaction riesce a comprendere in sole tredici tracce. Eh sì, perché di brano in brano non ci si sente altro che parte di una continua rincorsa a capire quando le due americane avranno esaurito le proprie idee, senza mai riuscire a raggiungere un traguardo.

Come i colleghi dal cromosoma y Shabazz Palaces, ma forse in meglio, le THEESatisfaction partoriscono invenzioni alternative aggiungendoci pizzichi di soul, tastiere e loop intriganti, dove le voci si intrecciano in melodie ed armonie a cui è impossibile resistere. Si sente ancora l’impronta dell’hip hop old school e dell’elettronica, specialmente in “Nature’s Candy”, e la venatura politica che ha da sempre caratterizzato l’operato delle due ragazze (in “Planet For Sale” una linea recita “Fake handshakes, mistakes we programming” e poco dopo “Waiting to be sold [our] future”).

In “Blandland” Ishmael Butler degli Shabazz Palaces in persona, riferendosi a una parola francese, il savoir faire, espone il problema di musicisti ed artisti che non si ritrovano più in un mondo in cui tanti aspetti della cultura umana vengono presi sottogamba, che si disperano perché ciò che li circonda viene usato solo come qualcosa su cui non vale la pena soffermarsi, qualcosa nato unicamente per essere calpestato senza che possa contribuire alla tradizione o essere compreso a fondo.

L’evoluzione delle THEESatisfaction porta a una sfida con l’ascoltatore, che stavolta non potrà stare fermo e passivo a subire la loro musica, ma dovrà raccogliere il testimone e decidere da sé quale nuovo cammino intraprendere. E non ce ne sarà uno soltanto.

Pro

Contro

Scroll To Top