Home > Recensioni > This Is Hell: Misfortunes
  • This Is Hell: Misfortunes

    This Is Hell

    Data di uscita: 19-02-2008

    Loudvision:
    Lettori:

Old School Inferno

L’eccessiva lunghezza per un album di hardcore talmente ortodosso come “Misfortunes” dei newyorkesi This Is Hell non può che farci storcere il naso. Granitico in termini d’impatto ma troppo monolitico nella scrittura, lo stile dei cinque statunitensi davvero male si sposa con una durata complessiva invero spossante.

Tre quarti d’ora di urla hardcore, up-tempo e mosh come a diluviare, tutto come si confà agli schemi di genere, è davvero troppo. Anche per i fan duri e puri della scena i This Is Hell risulterebbero verbosi nonostante il tiro non manchi loro e l’attitudine sia quella giusta. I muscoli e le cinghiate in faccia ci sono, il riffing accoglie tra le sue trame anche passaggi più orientati verso la melodia, che leniscono leggermente il perenne fluire della ferocia del gruppo, ma nel complesso “Misfortunes” rischia seriamente di procurarci sbadigli.

Un album hardcore non può e non deve essere talmente lungo, giungere alla fine è francamente spossante, nonché è facile mettere in risalto i limiti di una band assolutamente ligia ai dogmi del genere. Non si va oltre una fragile sufficienza.

Scroll To Top