Home > Report Live > Toccata e fuga (Deadbeat Summer)

Toccata e fuga (Deadbeat Summer)

Freddo invernale in quel di Roma, un clima sicuramente non adatto ad una serata chillwave come quella di oggi. Il gelo aumenta d’intensità quando scopriamo, all’entrata dell’Init, che l’esibizione di Toro Y Moi è stata inspiegabilmente posticipata di un’ora abbondante rispetto all’orario prefissato su tutti i flyers che pubblicizzavano l’evento. Il dj set, affidato ai romani Soft Punks, era stato infatti collocato ad apertura della serata, e non in chiusura come di consuetudine, facendo scalare quindi l’esibizione di Toro Y Moi e dell’open act La Casa Del Mirto.

Verso le 22:30 La Casa Del Mirto fa il suo ingresso on stage e timidamente il pubblico comincia ad avvicinarsi al palco. La proposta del trio trentino è strumentalmente molto piacevole, anche se a tratti la somiglianza con lo stile di Washed Out, quella chillwave eterea tutta mojito e piscina, è davvero imbarazzante. Purtroppo però la performance del cantante della band è decisamente sottotono e rovina per forza di cose lo show del gruppo.

Dopo un lunghissimo e cavilloso soundcheck sul palco, Toro Y Moi e la sua band decidono finalmente di dare inizio alle danze. Il pubblico è ormai stipato in massa sotto al palco.
Un ragazzetto ventiquattrenne di colore con l’aria da nerd, la voce da usignolo e una gran capacità di elettrizzare gli astanti con la sua musica psichedelica, danzereccia ma allo stesso tempo catchy e funky. Questo è Toro Y Moi.
Per tutto il concerto non si staccherà mai dal suo sintetizzatore e dai suoi effettini a pedale, smanettati e masturbati in continuazione, per la gioia sua e di tutti noi intenti a guardarlo.
L’ultimo disco “Causers Of This” viene eseguito quasi integralmente, “Blessa”, “Talamak” e “Low Shoulder” i pezzi accolti con maggior entusiasmo dalla platea romana. La batteria acustica dona ai pezzi un volto nuovo, più vero e vivo, risultando però poco efficace nella tracce più elettroniche.
Proprio sul più bello però, dopo circa quaranta minuti di musica, quando il pubblico era ormai caldo e i primi sintomi di sbronza cominciavano a manifestarsi, Toro Y Moi e compagni salutano tutti e rientrano nei camerini non ritornando più on stage per un doveroso bis, nonostante l’acclamazione di tutti i presenti.

Serata breve ma intensa… Gli ultimi echi di un’estate ormai giunta a conclusione.

Scroll To Top