Home > Rubriche > Compilation > Top Ten, 10 madri e 10 film per la festa della mamma

Top Ten, 10 madri e 10 film per la festa della mamma

Dieci madri e dieci film per la Festa della Mamma: da quelle che hanno fatto la storia del cinema (“Psycho”, Bellissima”) alla Grazia malickiana incarnata da Jessica Chastain, dalla mamma dell’elefantino Dumbo a quella della letale Sadako di “Ringu”.

Nome: Norma Bates
Interprete: Virginia Gregg (voce)
in “Psycho” (1960) di Alfred Hitchcock
Figlio: Norman Bates (Anthony Perkins)
Se parliamo di madri cinematografiche, citare la mamma di Norman Bates è d’obbligo. Si vede poco sullo schermo, la misteriosa Norma. Ma quando compare…

Nome: Maddalena Cecconi
Interprete: Anna Magnani
in “Bellissima” (1951) di Luchino Visconti
Figlia: Maria (Tina Apicella)
Maddalena vede Cinecittà nel futuro della figlia Maria. Illusione e disillusione, aspirazioni confuse, umiliazioni e disagio inespresso: tutto nei volti di Anna Magnani e della piccola Tina Apicella. Regia di Luchino Visconti, da un soggetto di Cesare Zavattini.

Nome: Mildred Pierce
Interprete: Kate Winslet
in “Mildred Pierce” (2011) di Todd Haynes
Figlie: Veda (Morgan Turner e Evan Rachel Wood) e Ray (Quinn McColgan)
Avvolgente come un romanzo e vivida come uno spettacolo teatrale, la miniserie di Haynes mette in scena con straziante crudezza il rapporto tra Mildred e la figlia Veda. Nota di merito alle due bambine che interpretano Veda e la sorella minore Ray, capaci di gestire con sorprendente (inconsapevole?) maturità scene dure e difficilissime. Straordinaria, ma non c’è neanche bisogno di dirlo, pure la madre incarnata da Kate Winslet.

Nome: Mrs. Jumbo
Interprete: Verna Felton (voce)
in “Dumbo” (1941) di AA. VV.
Figlio: Dumbo
«Figlio mio, vieni qui / no, non pianger così / ti terrò stretto al mio cuor / con tanto amor / con tanto amor! Se si burlan di te / non badarci perché / il mio amor sol ti darà felicità, felicità!»
Lacrime (tante, tantissime), risate, stupore.
Animazione libera, inquietante e potente. Grande film, “Dumbo”.

Nome: Signora Apicella
Interprete: Piera Degli Esposti
in “Sogni d’Oro” (1981) di Nanni Moretti
Figlio: Michele (Nanni Moretti)
«Non lo voglio superare il complesso di Edipo!»
Quella per la maternità è una delle ossessione più sofferte del cinema morettiano. Qui l’alter ego Michele Apicella è un regista che tenta di girare un film intitolato “La mamma di Freud”. Più edipico di così…

Nome: Shizuko Yamamura
Interprete: Masako
in “Ring” (“Ringu“, 1998) di Hideo Nakata
Figlia: Sadako (Rie Inō)
Ci ricordiamo tutti di Sadako, la bambina con i capelli davanti agli occhi che esce dal pozzo camminando in modo strano. Ma anche sua madre, la sensitiva Shizuko, non era proprio un tipo rassicurante. L’horror di Hideo Nakata ha avuto un gran successo, due sequel, un prequel e un remake americano.

Nome: Mrs. O’Brien
Interprete: Jessica Chastain
in “The Tree of Life” (2011) di Terrence Malick
Figli: Jack (Hunter McCracken e Sean Penn) e i suoi fratelli
Se tutti amiamo Jessica Chastain di un amore incondizionato — perché la amiamo tutti, no? — gran parte del merito va alla signora O’Brien, adorabile incarnazione della Grazia nel film Palma d’Oro di Terrence Malick. Tanto bella da apparire irreale e perfetta per un’opera che filma, senza filtri, il puro pensiero.

Nome: Grace Stewart
Interprete: Nicole Kidman
in “The Others” (2000) di Alejandro Amenábar
Figli: Anne (Alakina Mann) e Nicholas (James Bentley)
Quando dicono che il cinema contemporaneo, soprattutto hollywoodiano, ci impone troppi film su quant’è bello essere madri (e che solo titoli come “Quando la notte” possono indicarci la verità), pensate alla sorte di Anne e Nicholas, i bambini allergici alla luce del sole protagonisti di questa affascinante storia di fantasmi. E pensate alla solitudine, alla disperazione, a quello che si nasconde nella mente della loro mamma, la rigidissima Grace.

Nome: Christine Collins
Interprete: Angelina Jolie
in “Changeling” (2008) di Clint Eastwood
Figlio: Walter (Gattlin Griffith)
“Period stuff is fun”, dice Clint col suo sorriso sereno commentando l’ambientazione fine anni 20 di questo film semplice e terribile sulla tenacia dell’amore materno. Solo che in “Changeling”, di fun, non c’è proprio nulla. Un horror — sì, un horror — tratto da una storia vera talmente dolorosa e raccapricciante da sembrare una fiaba nera.
Uno dei ruoli più belli di Angelina Jolie.

Nome: Liseli Hoepli
in “Un’ora sola ti vorrei” (2002) di Alina Marazzi (documentario)
Figli: Alina e Martino
Liseli Hoepli è la madre della regista Alina Marazzi, morta suicida quando la figlia era piccola. Alina le dedica un documentario generoso e creativo, che usa i filmini di famiglia come tracce di una storia per troppo tempo taciuta. E il titolo con citazione musicale è una splendida intuizione.

Scroll To Top