Home > Rubriche > Compilation > Top Ten: i migliori album del 2018

Top Ten: i migliori album del 2018

Il 2018 è l’anno del boom definitivo in italia dei generi indie e hip hop/rap/trap. Lo dicono i numeri, le visualizzazioni su Spotify, triple date live e i sold out ai concerti. E se in certi casi si sia trattato solo di una trovata marketing costruita a tavolino, a noi non ce ne frega niente perché stiamo parlando di musica. Ed in questo caso il 2018 ha fatto un ottimo lavoro. Arriva finalmente anche per LoudVision il momento della classifica finale dei migliori album dell’anno quasi ormai alle spalle. Cinque dischi italiani e cinque dischi internazionali che ci hanno eccitato. Perchè in fondo questo è la musica: EMOZIONE

1 Lil Wayne – Tha Carter V (Young MoneyRepublic e Universal)  Data di uscita: 28 settembre 2018

Conferma il suo status di uno dei più grandi di tutti i tempi della storia del rap. Nonostante il mondo sia cambiato intorno a lui, Wayne con il suo dodicesimo gioiello discografico si è dimostrato essere all’altezza delle aspettative dei fans più affezionati. Un album lungo 23 tracce che ci offre uno sguardo introspettivo sulla vita di Wayne. Con toni coraggiosi e schietti e, la combinazione perfetta di elementi tra vecchia scuola e nuova scuola della cultura hip hop, Tha Carter V ha dominato per intere settimane le classifiche di tutto il mondo. Con più di 544.000 copie vendute solo nella prima settimana dall’uscita, Tha Carter V vanta la preziosa collaborazione di artisti come Kendrick Lamar, Travis Scott, Snoop Dogg e XXXTentacion- solo per citarne alcuni- che lo hanno reso, senza alcun dubbio, ancora di più un album vincente.

https://youtu.be/dyeq_Jel4sg

2 Kamasi Washington Heaven & Earth (Young Turks)  Data di uscita:  22 giugno 2018

Il lato Terra rappresenta il mondo come lo vedo esternamente, il mondo di cui faccio parte. La parte del Cielo rappresenta il mondo come lo vedo interiormente, il mondo che è parte di me

Questo è quello che ha detto Kamasi Washington riguardo l’uscita del suo nuovo doppio album. Heaven & Earth è un incredibile esempio di cosa voglia dire fare jazz oggi. Washington formidabile dietro al sassofono e straordinario come compositore ha sfornato un capolavoro di 16 tracce. Heaven & Earth è sopratutto un viaggio emotivo che ci rimanda a poetiche influenze jazz, assoli impetuosi e leggere sfumature soul. Ascoltatelo e non ve ne pentirete.

https://youtu.be/LdyabrdFMC8

3)  Cardi b – Invasion of privacy (Atlantic Records)  Data di uscita:  6 aprile 2018

Può sembrare eccessivamente esagerata, ma Cardi B o la ami o la odi . Dopo Taylor Swift è lei la seconda artista femminile ad aver raggiunto il primo posto nelle classifiche Hot Billboard negli Stati Uniti. Per essere il suo vero debutto, Invasion of privacy è un album che merita di essere ascoltato dall’inizio alla fine. Realizzato con sorprendente eleganza, il disco racchiude 13 trace, create da un roaster di producer assurdi come DJ Mustard, Cassius Jay, Benny Blanco, Boi-1da e tanti altri ancora. La ragazza di New York sta diventando un’icona nella musica e nel resto del mondo, e non ha paura di essere se stessa in fondo. Sfacciata e provocatoria proprio come le sue canzoni in Invasion of privacy. E noi la amiamo proprio per questo.

https://youtu.be/8zSRkr1nQNw

4Anna von HausswolffDead Magic (City Slang Data di uscita: 2 marzo 2018

Per chi non la conoscesse, la voce di Anna von Hausswolff ha davvero qualcosa di magico e spettrale. Registrato in una chiesa a Copenaghen, il quarto album dell’artista svedese ha esplorato territori sperimentali avvicinandosi sempre di più al progressive rock più atmosferico. Non catalogabile in una dimensione puramente gotica o classica, Dead Magic mostra quanto Anna Von Hausswolff sia maturata come artista. Un album evocativo per i giorni invernali ma anche un ambizioso e disarmante gioiello discografico.

https://youtu.be/Nre0hcDz5TI

5Drake – Scorpion (Young Money EntertainmentCash Money Records Republic Records Data di uscita: 29 giugno 2018

Con Scorpion si è riconfermato uno dei migliori rapper della nuova scena contemporanea mondiale. Drake, vero King della rap music, ha sfornato un album di 25 tracce tra cui anche collaborazioni con Future, Ty Dolla$ign,  ma soprattutto, con Jay-Z  per Talk Up in cui ricorda il compianto XXXTentacion e con Michael Jackson sulle note di Don’t Matter To Me. Numeri da capogiro per il cantante canadese, l’album, ha occupato solo dopo cinque settimane dall’uscita discografica la prima posizione della Billboard Top; con sette dei suoi singoli nella top ten dei brani più venduti, è riuscito a battere il record dei Beatles (cinque canzoni in classifica)

https://youtu.be/DtgjJo33X3g

6)  Motta – Vivere o morire (Sugar)  Data di uscita: 6 aprile 2018 Un anno particolarmente positivo per Motta, il giovane cantautore toscano che a soli due anni dal debutto (La fine dei vent’anni) è tornato con il suo nuovo disco Vivere o Morire. Nove canzoni sincere ed emotive che raccontano Francesco Motta, non solo come artista ma come persona. Un ragazzo come tanti, senza filtri. Vivere o Morire è un’introspezione nei propri sentimenti, la necessità di volersi raccontare. Il suo album intimo e confidenziale è infatti il migliore per le Targhe Tenco 2018 aggiudicandosi così il maggiore riconoscimento della canzone d’autore italiana. Un disco che agita i pensieri.

https://youtu.be/QZCdw-MPvDk

7)  Cosmo Cosmotronic (42Records Data di uscita: 12 gennaio 2018

È lui il re dei palazzetti. I suoi live sono una festa degna della migliore musica elettronica italiana in circolazione. Ma non solo, perché Cosmotronic è una mix perfetto di sonorità, dalla dance più disordinata al pop cantautoriale più moderno . Doppio disco di inediti della durata totale di oltre un’ora, che grazie alla presenza di synth analogici/digitali, percussioni elettroniche e minimal-pop, consacrano Marco Jacopo Bianchi l’idolo indiscusso della club culture tra i più apprezzati della new generation.

https://youtu.be/O69TMwlt9qA

8Ministri – Fidatevi (Woodworm Data di uscita: 9 marzo 2018.

Finalmente. Un album potente, consapevole dei propri mezzi artistici Fidatevi è il frutto di un evoluzione musicale e di un vero e proprio percorso interiore. Dodici tracce che rispecchiano storie personalissime, fatte di errori, e di tutte quelle volte che non siamo riusciti a crescere. Già dal suo primo ascolto quello che ne esce è il fascino sottile di un rock spontaneo e sincero. Con l’obbiettivo di proporre qualcosa di nuovo, che esca fuori da ogni logica puramente commerciale del fare musica, i Ministri, coniugando la loro anima romantica con l’energia del rock più sanguigno, ci regalano una bella boccata d’aria fresca. Vi voglio molto bene.

https://youtu.be/oSLr4JMBRUc

9)  Calcutta – Evergreen (Bomba Dischi Data di uscita:  25 maggio 2018.  Probabilmente tra i migliori album che il 2018 potesse lasciarci in eredità. Evergreen ci fa ritornare alla mente sensazioni del passato, ricche di essenzialità ma allo stesso tempo ci trascina nel patinato universo della musica indipendente italiana. Forte della sua scrittura pop raffinata, il giovane cantautore italiano, arrivato al suo terzo album in studio, grazie alla sua versatilità, riesce ad impreziosire ogni canzone con arrangiamenti eleganti e contemporanei Un disco che non tradisce le attese del suo pubblico e si dimostra ancora più capace di attrarne uno più ampio. Calcutta rafforza la propria identità e, forse sì caro Edoardo, se hai sognato che anche in Italia si possa fare del pop autentico e di classe, ci sei riuscito. Una preziosa perla da custodire sotto al cuscino prima di addormentarsi.

https://youtu.be/vYLG7UAxgII

10) Salmo Playlist (Sony Music Data di uscita:  9 novembre 2018 

Salmo, all’anagrafe Maurizio Pisciottu, è senza alcun dubbio uno dei personaggi più eccentrici dell’intera storia del rap in italiano. Provocatorio. accattivante ed estremamente intelligente, Salmo sforna il capolavoro dei capolavori. Un album di tredici brani che scorre senza sosta nelle playlist di milioni di utenti Spotify. Un successo atomico che vede la partecipazione di cinque featuring pazzeschi, Fabri Fibra su “Stai zitto”, Nitro in “Dispoverty Channel”, con il trapper Sfera Ebbasta in “Cabriolet”, Coez in “Sparare alla luna” e Nstasia sulle note de “Il cielo nella stanza”. Difficile etichettarlo perché Playlist è rap, rock, reggae, pop, hardcore e molto altro ancora. La sua scrittura è tagliente come la lama e arriva ogni volta proprio come un pugno dritto nello stomaco. Grazie alla sua ironia affilata e sempre sopra le righe, Salmo sforna ogni volta brani coraggiosi e allo stesso tempo poesie di strada di rara bellezza. Playlist è il disco dell’anno che non deve assolutamente mancare nella vostra discografia.

https://youtu.be/WxcxfDTETfs

Buona musica!          

Scroll To Top