Home > Report Live > Tortoise in concerto al Monk Club di Roma, live report

Tortoise in concerto al Monk Club di Roma, live report

Il 20 febbraio 2016, entrando al Monk Club per il concerto dei Tortoise, l’aria che si respira è ottima, pochi sono li per caso, e sono molte le persone in fila ancora ai botteghini, anche se, a causa del sold out, alcuni sono rimasti fuori purtroppo (il locale si è dimostrato un po’ piccolino in effetti).

Alle 22:30 dopo l’apertura del bravo Sam Prekop, si entra in massa nella sala concerto, e dopo poco ci ritroviamo schiacciati come sardine, poi, senza solenni introduzioni e con sobrietà, ecco i Tortoise, che si avvicinano alle loro posizioni, già queste insolite per un palco di musica dal vivo: abbiamo al centro i due batteristi, John Herndon e John McEntire, con i set posizionati specularmente uno di fronte all’altro, alle loro spalle il vibrafono a destra e vari sintetizzatori a sinistra e frontalmente rispetto al pubblico il basso di Doug McCombs e la chitarra di Jeff Parker.

Un rapido saluto e parte il primo pezzo: da qui ci si perde come nella tana del bianconiglio, una successione ordinata di suoni morbidi, avvolgenti, ritmiche con polimetrie semplici ma mai banali, si avvicendano e si susseguono, in uno scorrere nel quale è piacevole abbandonarsi per poi ritrovarsi dopo qualche battuta, ma è l’aspetto melodico che affascina di più, si passa da temi semplici a piccole “fughe” con orpelli jazzistici, fino a fraseggi latin, quest’ultimi utilizzati in particolare nella parte finale del concerto dove è stato pressoché impossibile non muovere i piedi, grazie anche alla forte deriva trip hop della band.

Il volume della band seppur abbastanza alto non arriva mai a essere fastidioso, complice l’acustica della sala ed evidentemente il lavoro del fonico. I Tortoise hanno portato brani del loro repertorio classico, ma ovviamente anche tutti quelli del nuovo lavoro, “The Catastrophist“, uscito a gennaio 2016. Una band storica (il primo disco è del 1994) e nonostante tutto sconosciuta ai più, che ha segnato e segnerà ancora con questo disco il mondo della musica.

di Sergio Di Giangregorio

Scroll To Top