Home > Recensioni > Toxocara: The Great Rebellious
  • Toxocara: The Great Rebellious

    Toxocara

    Data di uscita: 15-02-2008

    Loudvision:
    Lettori:

Old School Death Metal… chi ne ha bisogno?

I Toxocara sono una formazione death metal che ospita, al suo interno, l’illustre (e disumanamente veloce) batterista dei Prostitute Disfigurement, Michiel Van Der Plicht. Tuttavia dobbiamo dimenticare tutto ciò che sono i Prostitute Disfigurement e, in particolare, la loro sana vena di follia compositiva, in quanto “The Great Rebellious” è puro death metal incontaminato e smaccatamente Old-School, che pesca a piene mani da tutto ciò che hanno fatto band storiche come Deicide, Suffocation (soprattutto), Incantation e chi più ne ha, più ne metta. Il disco è farcito di tutti i cliché del caso, dalla batteria che sembra un martello pneumatico ai riff di chitarra dissonanti, passando per voci che assomigliano a lavandini intasati e piccoli break in mid-tempo che spezzano la tensione preparando l’ascoltatore all’ imminente sfuriata. Tutto questo però non è miscelato perfettamente, evidenti sono infatti le carenze compositive di brani che non si differenziano sufficientemente l’uno dall’ altro, rendendo il disco una mezz’ora di cacofonia iper-veloce che, alla fine dei conti, non trasmette nulla. Purtroppo siamo distanti anni luce dall’ abilità delle band a cui i Toxocara si ispirano e, nonostante il disco sia suonato in maniera eccelsa e goda di un’ottima produzione, non c’è nulla che possa giustificare applausi o menzioni d’onore.

Scroll To Top