Home > Recensioni > Against Me!: Transgender Dysphoria Blues
  • Against Me!: Transgender Dysphoria Blues

    Xtra Mile Recordings / audioglobe

    Data di uscita: 21-01-2014

    Loudvision:
    Lettori:

Thomas James Gabel non lo sapeva ancora quando nel ’97 iniziò la sua carriera con gli Against Me!.
Non sapeva di essere in realtà Laura Jane Grace, ovvero di avere un disturbo dell’identità di genere. Insomma, quello che s’è reinventata come titolo del nuovo album (il sesto per la band), “Transgender Dysphoria Blues”.

Sono dieci i pezzi che compongono il disco, due dei quali- anche solo per come si chiamano- spiccano abbestia: “True Trans Soul Rebel” e “Osama Bin Laden As The Crucified Christ”, il primo senza alcun dubbio uno dei meglio riusciti del decalogo.
Il punk e il rock si fondono in maniera equilibrata, dando spazio a schitarrate graffianti, liriche impertinenti (si parla pure di pisciare sui muri interni di case altrui) e riflessioni personali.
Fuori le palle.

Il punk quasi guerresco degli Against Me! prende forma man mano che si passa dall’incipit (la track omonima del lavoro) a ciò che chiude l’album. Da notare è la scelta di eseguire acusticamente “Two Coffins”, forse un cedimento alla volontà di esplorare nuovi territori, meno conosciuti e praticati dal gruppo della Florida.
Come già accennato è “True Trans Soul Rebel” che spacca i culi, e non a caso è il singolo a cui è stata data probabilmente la mejo copertina ever.
Brava Laura, bravo Thomas e bene la partecipazione dei NOFX.

Pro

Contro

Scroll To Top