Home > Recensioni > Tre tocchi

Correlati

C’è anche Marco Risi nella sezione Gala del Festival Internazionale del Film di Roma 2014 con “Tre tocchi”, un film che guarda la realtà attraverso gli sguardi differenti e al tempo stesso simili di sei attori – Gilles (Gilles Rocca), Vincenzo (Vincenzo De Michele), Leandro (Leandro Amato), Max (Massimiliano Benvenuto), Emiliano (Emiliano Ragno) e Antonio (Antonio Folletto) – che giocano nella stessa squadra di calcio, la ItalianAttori, allenata da Giacomino Losi.

La prospettiva, benché già vista, è interessante perché mette in scena non la vita degli attori di successo ma di quelli, giovani o meno giovani, che in Italia attendono l’occasione giusta e intanto girano brutte serie televisive o fanno altri lavori per riuscire a sopravvivere tra un provino e l’altro.

Paradossalmente, però, ciò che non funziona in questo film d’attori è proprio la recitazione, acerba e del tutto inadeguata. La sceneggiatura (di Risi, Francesco Frangipane e Riccardo Di Torrebruna), appesantita da dialoghi o addirittura monologhi costantemente alla ricerca della battuta simbolica o ad effetto, non aiuta gli interpreti a trovare una credibilità espressiva soddisfacente e così “Tre tocchi” sembra un film a tesi, che si affanna a costruire scene significative (in colonna sonora c’è persino “La valigia dell’attore” di Francesco De Gregori) ma troppo spesso si dimentica, semplicemente, di raccontare, di coinvolgere il pubblico nei problemi e nelle vite di questi personaggi.

Manca poi del tutto, nella regia di “Tre tocchi”, il senso della bellezza e della passione sincera per il gioco del palcoscenico: pensiamo a “Birdman” di Alejandro González Iñárritu, visto quest’anno a Venezia, che pure offriva una visione molto cupa dei backstage teatrali e cinematografici ma sapeva trasmettere appieno il mistero e la meraviglia della creazione artistica. Il film di Risi è prigioniero della volontà di dimostrare quanto l’esistenza degli attori sia gretta e banale, e noi spettatori stiamo a guardare, all’inizio con irritazione e infine con indifferenza.

Pro

Contro

Scroll To Top