Home > Recensioni > Treat: Coup De Grace
  • Treat: Coup De Grace

    Treat

    Loudvision:
    Lettori:

Non colpo di grazia, ma semplice stoccata

A 25 anni dal debutto, i Treat dimostrano che, nonostante la longevità, il loro sound è ancora moderno e fresco. Il sesto album del quintetto svedese regala il classico compendio di rock melodico accattivante e ben curato.
A cavalcioni, sulla linea di mezzeria, tra rock e hard rock, qualche riff per accontentare i più duri, qualche coro e ritornello prestato dal pop per assecondare i più morbidi, le quattordici tracce riescono a fare cordata e a strappare un ascolto ininterrotto, con qualche concreta sorpresa come l’opening track.

La semplicità a volte è una doppia arma. Melodie di questo tipo le abbiamo ascoltate tante volte da gruppi come gli Zeno ed i Fair Warning e si ripetono ormai un po’ ovunque. Dall’altro lato, l’immediatezza è anche la chiave per una rapida scalata sulla massa delle proposte concorrenti. Il prodotto dei Treat si accontenta di questo: bruciare come un cerino in pochi, piacevoli, ascolti.

Pro

Contro

Scroll To Top