Home > Recensioni > Tricky: Mixed Race
  • Tricky: Mixed Race

    Tricky

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

The black brit lucky boy is back

Se il ritmo è black e l’eleganza brit, allora Tricky is a black brit lucky boy. Che con “Mixed Race” arriva al suo nono disco di studio e conferma tutte le sue doti di trip-hopper e produttore.

“Mixed Race” è un best of dell’esperienza del Nostro, che regala all’ascoltatore poco meno di mezz’ora di musica da assaporare con tutta la lentezza del caso. Compresa la frenesia di “Bristol To London”.

L’equilibrio tra arrangiamenti, campionamenti, strumenti, voci e sonorità svela elegantemente la sovrapposizione dei loop giroscopici che compongono i brani. Che, asciutti ed efficaci, perfetti per un club, non sono mai invadenti.

Tutto è soffice, tutto è ovattato. E il sospiro sembra proprio essere il leitmotiv non solo della canorità, ma anche della musicalità in genere di Tricky. “Mixed Race” è una pillola super concentrata che racchiude esperienze e contaminazioni, sempre in bilico tra il trip e l’hop. Un piccolo bignami, piacevole da ascoltare, della storia del Nostro.

Pro

Contro

Scroll To Top