Home > Report Live > Tutta Tua

Tutta Tua

Dopo una breve fila insieme a gente di una certa classe all’esterno degli studi Rai di via Asiago, entriamo finalmente nella storica sala A dove a breve inizierà il concerto di Simona Molinari & Friends presentato da Gerardo Panno e Federica Gentile per “Radio2 Live”, programma in onda venerdì 20 gennaio alle 21.

Finite le prove per gli applausi, arriva sul palco la Mosca Jazz Band che accompagna la talentuosa Simona Molinari vestita in un modo glam che non sfugge al presentatore e al pubblico. Dopo aver fatto la felicità degli occhi dei presenti, Simona passa ad allietarne l’udito con “Egocentrica”, il pezzo che le ha consentito di partecipare a Sanremo nel 2009.

Dopo tre brani del suo repertorio arriva il primo friend, Mauro Ermanno Giovanardi, ex-frontman dei La Crus, che duetta con lei su due canzoni: “La Verità”, tratta dall’ultimo disco della giovane cantautrice, e “Io Confesso”, su cui Simona sfoggia la sua voce da soprano.

Insieme al secondo ospite, il pianista Dado Moroni, esegue una versione solo piano e voce di “Beautiful That Way” e “Povera Piccola Italia” per rendere omaggio alla penisola perché, come spiega al microfono di Radio2, quando si va all’estero l’Italia è “un biglietto da visita dorato“.

Non mancano anche la sua versione easy jazz di “Maruzzella” e “Nell’Aria”, dedicata alle vittime del terremoto che colpì L’Aquila nel 2009 e che oggi Simona dedica anche a coloro che sono scomparsi nell’incidente della nave da crociera Concordia.

Con lei sul palco anche il chitarrista Francesco Buzzurro, “un’orchestra umana” con cui esegue “Gabriel’s Oboe” del maestro Ennio Morricone. Cambiano i ritmi e i colori quando arriva Mario Venuti che porta con una ventata di Brasile nella sala A di via Asiago con la sua “Per Causa D’Amore” per poi sostituire, nonostante la mancanza di capelli rossi e ricci, Ornella Vanoni in “Amore A Prima Vista”, suscitando, però un po’ di nostalgia per la voce calda e profonda della cantante milanese. Per fortuna a tirarci su l’anticipazione su una prossima collaborazione con Gilberto Gil, grande musicista brasiliano.

Per “Portate Gli Uomini” si trasforma in una donna provocante e sfrontata che canta in modo sensuale accarezzando anche il bassista, che si mostra alquanto imbarazzato, mentre quando arriva il turno di “In Cerca Di Te” è il pubblico ad aver problemi a restare fermo sulle sedie che tremano all’unisono per i leggeri movimenti di ognuno dei presenti.

Una serata in cui Simona ha dato prova di saper ben giocare con le sue corde vocali e con la sua femminilità, ma soprattutto in cui ha dimostrato che non tutti i Sanremo vengono per nuocere.

“Egocentrica”
“La Donna Di Plastica”
“Come Sabbia”
“La Verità”
“Io confesso”
“Beautiful That Way”
“Povera Piccola Italia”
“Maruzzella”
“Nell’Aria”
“Gabriel’s Oboe”
“Per Causa D’Amore”
“Amore A Prima Vista”
“Portate Gli Uomini”
“Forse”
“In Cerca Di te”

Bis:
“Lettera”
“Tua”

Scroll To Top