Home > Rubriche > Compilation > Tutte le promesse non mantenute

Tutte le promesse non mantenute

Forse molti di voi non lo sanno, visto il silenzio che ne ha circondato l’uscita, ma qualche tempo fa è uscito un piccolo film indipendente, di quelli tipo low budget OMG però che buone idee che hanno avuto peccato che non venga pubblicizzato di più. Si tratta di una pellicola di fantascienza che racconta la vita di Sam Worthington dentro un MMORPG dove sono tutti altissimi e blu.


Sopra: tipo così, ma senza mutandoni bianchi.

Il film si chiama Avatar, parola di origine indiana che significa Pocahontas. Uscito in sordina, e rimasto in sala solo per qualche giorno prima di venire spazzato via da titoli più importanti, è un prodotto tutto sommato interessante e divertente, soprattutto per via di Zoe Saldana.


Sopra: tipo così, ma blu e senza mutandoni bianchi.

MA! C’è un motivo per cui, se mai doveste riuscire a vedere questa perla nascosta, potreste odiare l’esordiente regista James Cameron.
E no, non parliamo di Titanic, ma di tutte le promesse che il film fa e che nessuno è (ancora) in grado di mantenere. Esplorare un mondo alieno stando comodamente seduti a un terminale di computer? Interfacce mentali? Elicotteri armati di missili che abbattono enormi alberi-città?

TUTTE STRONZATE!


Sopra: grazie, Google Immagini.

Questo perché se c’è una cosa che la fantascienza ci ha sempre insegnato è che tutte le storie fichissime che racconta sono assolutamente irrealizzabili. La fantascienza ci coccola, ci illude e ci lascia pesti e sanguinanti a piangere dietro un divano perché abbiamo provato a spiccare il volo usando il nostro jetpack di fabbricazione casalinga.

Se non ci credete voltate pagina, e preparatevi al futuro pogrom contro i nerd.
[PAGEBREAK] 7.
La promessa

Skateboard volanti! Per sfuggire più facilmente ai bulli di quartiere, sorvolando felici i verdi parchi di alberi sinteticibiomeccanici che abbelliscono la nostra ridente tecnocittadina!


Sopra: just do it. Zemeckis.

Come in quel film lì…
Ritorno al futuro 2 (Robert Zemeckis, 1989).

Perché non è stata mantenuta
Innanzitutto bisognerebbe chiedersi perché questa promessa sia stata fatta. O meglio, da chi. Chi è il bastardo che ha preso un’intera generazione di ragazzini cresciuti a panini e Tony Hawk e li ha convinti che in poco tempo avrebbero potuto replicare le loro strepitose evoluzioni molto anni ’80, solo che VOLANDO?


Oh, tu, brutto figlio di…

Esatto, proprio lui, il ricciolino che ci ha regalato capolavori come Chi ha incastrato Roger Rabbit e Forrest Gump e merdate inconcepibili come Polar Express. E con «proprio lui» non intendiamo «il film in cui ci sono gli hoverboard è stato da lui diretto quindi lo trasformiamo in capro espiatorio in contumacia sceneggiatore fantasioso e bastardo» ma «Robert Zemeckis è un tale impostore che ha pure diretto un piccolo documentario per spiegare come gli hoverboard siano già realtà! MA! non sono in commercio perché sono PERICOLOSI PER I BAMBINI».


«Ehi! Guardate! Quello è un impostore
[PAGEBREAK] 6.
La promessa
Un futuro postapocalittico, un mondo desolato generato dalla devastazione conseguente a un’enorme esplosione nucleare che ha spazzato via tutta l’umanità a parte pochi fichissimi eletti ricchi di muscoli, pettinature anni ’80 e armi veramente steampunk.

Come in quel film lì…
Per esempio Mad Max (George Miller, 1979). Solo per dirne uno eh!

Perché non è stata mantenuta
Per esempio perché URSS e USA hanno fatto pace qualche tempo fa, pare grazie al Papa.


«Rock and roll»

Oppure perché Bruce Willis ha sconfitto un asteroide gigante.
O perché il protocollo di Kyoto ha bloccato il riscaldamento globale.
E l’OMS ha debellato l’epidemia di solanum, solo che non ce l’ha mai detto per non allarmarci.

Insomma, com’è come non è c’è sempre qualcuno che si intromette tra l’uomo e la sua estinzione quasi totale, tra il mondo e la sua fine – o, in altre parole, tra la noia e il divertimento sfrenato.


Sopra: un esempio di cosa ci siamo persi per colpa del Papa.
[PAGEBREAK] Bonus track 4 1337 speaking people.
La promessa
Un MMORPG interessante, che non preveda lunghe sessioni di gioco ad ammazzare ratti per guadagnare le dieci monete d’oro necessarie a comprare la spada d’argento fondamentale per squarciare il culo del lupo mannaro che dropperà il dente magico da dare al tizio sudcoreano che avete conosciuto nella cittadina di Vvorphal e che ha promesso che vi runnerà fino a quell’area fichissima ma troppo difficile da raggiungere a piedi per voi che siete solo di livello 3 e già un troll di palude vi fa un culo come una capanna.
In sintesi, un MMORPG che non preveda sudcoreani.

Come in quel film lì…
eXistenZ (David Cronenberg, 1999), film che parla di un gioco di ruolo online nel quale la trama è ZOMG INTERESSANTE, non c’è grinding, non c’è farming, non c’è looting, nessuno ti urla N00B se sbagli a lanciare il dardo incantato di Melmos al momento giusto.

Perché non è stata mantenuta
Perché World Of Warcraft:

1. regala alla Blizzard qualcosa come 3,8 MILIARDI DI DOLLARI di fatturato annuo.
2. TRE VIRGOLA OTTO MILIARDI DI DOLLARI.
3. consente di creare cazzate inutili ed esteticamente offensive tipo questa invece che obbligare i giocatori a perdere tempo con minuzie tipo trama, immedesimazione nel personaggio, ambientazione interessante.
4. TRE VIRGOLA ECCETERA.
5. Mister T.


«Odio i N00BZ!11!!!LOL!!FAGZ!1!»

[PAGEBREAK] 5.
La promessa
Spade laser, pistole laser, fucili laser, raggi laser che sembran fulmini, scudi termici, alabarde spaziali. In generale, qualsiasi arma che vedete nei film di fantascienza, di cui leggete nei libri di fantascienza, che brandite nei videogiochi di fantascienza, che sognate nelle lunghe notti bagnate di fantascienza.

Come in quel film lì…
Tantissimi, ma citeremo in particolare Star Wars (George Lucas, ogni tot anni), dove QUALSIASI ARMA impugnata da QUALSIASI PERSONAGGIO è lontana dalla realtà tanto quanto la pettinatura di Carrie Fisher è lontana dal buon gusto.


«Il popolo chiede pane? Date loro brioches, QUELLE CHE HO AL POSTO DEI CAPELLI»

Perché non è stata mantenuta
Vi abbiamo mentito! La spada laser è realtà! Altro che skate volanti e macchine del tempo, GEORGE LUCAZ IZ THA MAN! Ora potremo partire alla conquista della galassia, affettando culi alieni con facilità irrisoria e dominando in breve tempo l’Impero Stellare, spodestando il perfido Xenu, IL DITTATORE GALATTICO!


«PUPPA, XENU!». Firmato: Ron Hubbard.

Ma, ehi!, in realtà anche no!
E sapete perché?

Perché siccome NON ci piace vincere facile abbiamo deciso di spedire nello spazio una vera spada laser, consentendo così a qualsiasi razza aliena ne venisse in possesso di copiare la nostra tecnologia e magari perfezionarla a livelli mai concepiti prima da mente umana.


Sopra: David Gilmour è un rettiliano.

Tradotto: siamo fottuti. Grazie, GEORGE LUCAS.
[PAGEBREAK] Bonus track ricca di speranza.
La promessa
Controlla il mondo intorno a te con un solo tocco del dito! Di’ addio a tastiere, mouse, periferiche non compatibili e chiavette USB! Ora puoi aggiornare il tuo status su Facebook sfiorando l’aria ed esprimendo un desiderio!

Come in quel film lì…
Minority Report (Steven Spielberg, 2002).

Perché non è stata mantenuta

Perché È stata mantenuta, vorrete dire!


«A cosa sto pensando? A Xenu e ALLA PLACENTA DI MIA MOGLIE»

Grazie, Steve Jobs, per avere riciclato un’idea vecchia di quarant’anni!
[PAGEBREAK] 4.
La promessa
Il teletrasporto. Tipo sono qui e voglio andare là e vengo disatomizzato qui e rimolecolizzato là. Come viaggiare su Trenitalia, ma senza gli scorpioni sul sedile.


«Il popolo dei treni ha fame, freddo ed è in perenne ritardo? CAZZI LORO»

Come in quel film lì…
Star Trek (chiunque, sempre), anche se in realtà se ne parla in decine di altre pellicole. Però insomma, quanti di voi si ricordano «Beam me up, Scotty!» e quanti JUMPER?


«Ciao, sono Hayden Christensen e NON HO MAI FATTO UN BEL FILM»

Perché non è stata mantenuta
In realtà gli scienziati ci hanno provato, poverini. E a modo loro ci sono anche riusciti.

Solo che provate a leggere questo articolo e veniteci a dire cosa avete capito.

Fatto? Ora vi diciamo quello che abbiamo capito noi.

«Bla bla scoperte scientifiche fiche bla bla teletrasporto bla bla fotoni bla bla entanglement ERROR 404 BLANK SCREEN REBOOT bla bla non funziona ancora sugli esseri umani troppo complesso troppi atomi».


«Give yourself to the horse races, SCOTTY»
[PAGEBREAK] 3.
La promessa
Costruire un robot in grado di provare emozioni, di comprendere i grandi turbamenti dell’animo umano, di fungere da compagno ideale per la vecchietta spaurita e solinga poiché abbandonata dalla sua famiglia. Una specie di Super Vicki ma meno fastidiosa.


Sopra: attualmente Tiffany Brissette lavora come infermiera a Boulder, Colorado, e come sosia di Kakà al Real Madrid, Spagna.

Come in quel film lì…
A.I. (Steven Spielberg, 2001), un film bruttissimo che parla del parrucchino di Jude Law e di un bambino che non può vedere la gente morta perché SONO TUTTI ROBOT.

Perché non è stata mantenuta
Perché la complessità della mente umana eccetera non replicabile.
Eppure, eppure. Eppure, in un futuro non tanto lontano, la scienza potrebbe anche stupirci – UNA VOLTA OGNI TANTO.

Non ci credete? Fatevi un giro qui. Esatto, un sito intero che parla di roboetica, ovvero la disciplina filosofica che ci aiuta a relazionarci con un ammasso di metallo e trattarlo come se fosse il simpatico vicino di casa del piano di sotto, quello che raccoglie le foglie dal giardino e ogni tanto scompare in cantina a sbronzarsi di nascosto…


… e la sua sexy mogliettina.

Uno potrebbe anche sollevare l’obiezione che non bisogna fidarsi granché di gente che ha organizzato il primo simposio internazionale di roboetica a SANREMO e che ha sintetizzato così una delle tre posizioni dominanti riguardo alla roboetica:

NOT INTERESTED IN ETHICS

, ma se un domani ci ritrovassimo davvero a dover interagire con robot in grado di piangere, ridere, annoiarsi, AVERE PULSIONI DI CARATTERE SESSUALE?


Sopra: stiamo deliberatamente ignorando la presenza di ANIMALI DI PELUCHE, CADAVERI e ZOMBIE in questo grafico.
[PAGEBREAK] 2.
La promessa
Imparare il kung fu/la geografia/il kamasutra/le cifre di pi greco semplicemente infilandoci uno spinotto nel cranio e scaricando le informazioni. O anche il contrario: lo spinotto, la testa, le informazioni, un disco fisso, il superamento della nostra corporeità, eternarsi digitalmente.


«Qualcuno ha visto lo zio Giorg… AH! Eccoti!»

Come in quel film lì…
Matrix (due fratelli di cui uno forse ha cambiato sesso, 2000erotti).

Perché non è stata mantenuta
Perché ci stanno provando, POVERINI, ma non è mica facile. Avete idea di quanto sia complesso il nostro cervello?
Tanto per capirci, Folding@Home è un progetto di calcolo distribuito che si propone di simulare e studiare il processo di ripiegamento delle proteine sfruttando la potenza di calcolo combinata di QUALCHE MILIONE DI COMPUTER.

I risultati? I tizi di Folding@Home, pare, sono riusciti ad accelerare esponenzialmente i tempi necessari a calcolare quanto ci mette una proteina a ripiegarsi. Pensate che ora, per simulare un millisecondo di vita di suddetta proteina, ci impiegano un giorno soltanto!


«Ci vediamo domani, cioè TRA UN MILIONE DI ANNI»

Questo per quel che riguarda una singola proteina.
Immaginatevi riprodurre un intero cervello.
E sbatterlo su una chiavetta USB.
Per imparare il kung fu e l’uncinetto in un istante.


«Be’, lo faremo fare allo stagista»
[PAGEBREAK] 1.
La promessa
Un computer intelligente, più intelligente di un essere umano, talmente intelligente da essere in grado di, ehm, come dirlo senza spaventarvi?


DOMINARE IL MONDO! Kamchatka compresa.

Come in quel film lì…
2001 Odissea nello spazio (Stanley Kubrick, 1968), un film in cui ci sono alcune scimime con in mano delle ossa che poi diventano un’astronave nello spazio – DOVE NESSUNO PUÒ SENTIRTI URLARE – con un tizio che sbarella, una luce rossa che poi è un supercomputer e poi il tizio vede sé stesso da giovane e ha altre visioni ed è tutto molto metaforico e zoroastriano.

Perché non è stata mantenuta
Perché stanno cercando di farvi godere al meglio gli ultimi anni di libertà prima del 2030.
Nel 2030 i computer domineranno il mondo.
MA! Suddetto mondo finirà nel 2012.

Questo significa che qualcuno ci sta perculando.


«Chiamato?»

BOTTOM LINE.
Dando un rapido sguardo a questo articolo informativo e assai interessante se ne deduce un dettaglio piccolo ma significativo: il motivo per cui la fantascienza ha sempre promesso molto e la scienza non ha mai mantenuto (quasi) nulla è che, se effettivamente la scienza mantenesse…


… SAREMMO TUTTI FOTTUTI.

Scroll To Top