Home > Recensioni > Twin Shadow: Confess
  • Twin Shadow: Confess

    Twin Shadow

    Loudvision:
    Lettori:

Il Fonzie della Repubblica Dominicana

Twin Shadow è noto all’anagrafe come George Lewis Jr. ed attualmente risiede a New York.
Scopo della sua vita è fare musica indipendente, ma non una qualsiasi: quella che s’è bagnata nella new wave.

Se “Forget” era stato molto più che un assaggio delle capacità insite nell’artista americano, “Confess” potrebbe essere definito come un piccolo flop rispetto al lavoro del 2010.

L’album, infatti, si regge su basi ben pompate che magari, ok, incitano a muoversi (vedi “Golden Light”), eppure impediscono di estendere il campo visivo alla profondità d’animo che aveva caratterizzato l’esordio, così cupo e multisfaccettato allo stesso tempo.
Che Twin Shadow si sia ricreduto?

Bisogna dire che ci sono due o tre brani che tirano alquanto e forse il loro numero potrebbe salire in caso di minore severità nel giudizio. Parliamo comunque di un disco piacevole, ovviamente se non si conta la copertina di dubbio impatto ottico.
Però se lui è felice di fare il Fonzie della situazione, che lo faccia senza problemi.

Pro

Contro

Scroll To Top