Home > Recensioni > Twisted Sister: Live: A December To Remember
  • Twisted Sister: Live: A December To Remember

    Twisted Sister

    Loudvision:
    Lettori:

Merry Fuckin’ Christmas

È troppo divertente tornare a parlare dei Twisted Sister. Dopo essere assurti ad uno status pseudo-iconico durante gli anni’80 (chi non ricorda gli esilaranti video di “We’re Not Gonna Take It” e “I Wanna Rock”), la band si è progressivamente incamminata lungo il viale dell’oblio, minata dai conflitti interni e dall’attitudine “larger-than life” del loro sboccato front-man Dee Snider. C’è voluto il nuovo millennio con il suo florilegio di riunioni eccellenti (sulla cui onestà intellettuale, a dire il vero, si potrebbero aprire ampi dibattiti) per riportare sul palco i nostri cinque bad boys of rock’n roll. Rispolverati make-up e costumi di scena, i Twisted Sister in formazione rigorosamente originale sono tornati in azione per rendersi protagonisti di una manciata di spettacolari esibizioni, tra cui vale la pena ricordare le incursioni allo Sweden Rock Festival ed al Wacken Open Air nel neanche troppo lontano 2003, e questa peculiare performance di fine 2006 in cui Snider e compagni salirono sul placo dello Starland Ballroom (New Jersey) per celebrare a modo loro le festività natalizie. Professionalmente ripreso ed indelebilmente fissato su DVD, è proprio quest’ultimo evento ad essere il protagonista di “A Twisted Christmas LIVE – A December To Remember”: un’ora e mezza di video in cui il sacro delle più classiche christmas carrols (per l’occasione opportunamente “sisterizzate”) si fonde con il profano delle più famose hits della band. L’operazione nostalgia abbinata alla celebrazione natalizia può dirsi riuscita nella misura in cui a) siete degli ultra-quarantenni dotati di senso dell’umorismo a cui non crea problemi vedere cinque coetanei vestiti come vostra zia dimenarsi sul palco per quasi un’ora e mezza, oppure b) fate parte di quella razza in via di estinzione che grazie al cielo considera ancora il rock’n roll per quello che è: puro entertainment. E da questo punto di vista, Dee Snider non delude mai, neanche a cinquant’anni suonati. Lo show è spettacolare nella sua essenzialità: il front-man, agghindato come Santa Claus, irrompe sul palco sulle note di “Have Yourself A Merry Little Christmas”. Pubblico in semi-delirio, letteralmente ucciso pochi minuti dopo da una micidiale “Shoot’em Down”. La set-list riesuma tutto il meglio della produzione dei Sisters, da “You Can’t Stop Rock & Roll” a “We’re Not Gonna Take It” senza trascurare la power-ballad “The Price” . Tra un successo e l’altro spuntano le varie “White Christmas”, “Silver Bells” e “Oh Come All Ye Faithful”, tutte rigorosamente rivendute e corrotte nella migliore tradizione dei Twisted Fuckin’Sister. Dal punto di vista strettamente tecnico il DVD è onesto, audio e video non fanno gridare al miracolo ma il prodotto si lascia tranquillamente guardare ed ascoltare. Sono presenti anche alcuni extra di non particolare rilevanza, citiamo per la cronaca i video-clip di “Heavy Metal Christmas” e “Oh Come All Ye Faithful”, ed una brevissima intervista alla band.

Scroll To Top