Home > Recensioni > Two Fires: Burning Bright
  • Two Fires: Burning Bright

    Two Fires

    Data di uscita: 24-09-2010

    Loudvision:
    Lettori:

Il fuoco brucia ancora

“Serafino mi disse: “ho voglia di risentire la tua voce”. E io gli risposi “Certo! Ma quando vedo di nuovo i soldi!”.

È così che il singer-songwriter Kevin Chalfant descrive l’abbozzo da cui nacque “Burning Bright”, terzo album dei Two Fires. Il frontman dell’Illinois riprende il percorso interrotto nel 2002 con “Ignition” senza il chitarrista Josh Ramos ma con lo stesso rock melodico, che fa perno sulla sua padronanza vocale, sulle qualità enfatiche dei cori in stile Boston, e su una produzione finalmente capace di esprimere quella pulizia sonora indispensabile per il genere.

“Burning Bright” si muove su meccanismi consolidati, è vero. Ma, come accade ogni qual volta non si rimane imbrigliati in uno schema, pur seguendolo, è la qualità degli interpreti a fare la differenza.

È Aor, è elegante, ha classe e forza, non stanca anche se è un prodotto dalla linea stilistica già solcata più e più volte. Questo è “Burning Bright”. Pur senza produrre polvere di stelle come negli Storm, Chalfant è artefice di un album di qualità, forte di un songwriting efficace in ogni range ritmico, di una band affiatata e di una voce come poche altre nell’emisfero adult oriented rock. Merita mezzo voto in più.

Pro

Contro

Scroll To Top