Home > Recensioni > Twomonkeys: Psychobabe
  • Twomonkeys: Psychobabe

    Twomonkeys

    Data di uscita: 12-11-2013

    Loudvision:
    Lettori:

Scimmie in spalla!

Un paio di regole per avvicinarsi ad un album:
– dimenticare generi, etichette e quant’altro
– mai aspettarsi nulla
– lasciarsi sorprendere.
Succede proprio questo con “PsychoBabe”, esordio dei bresciani Twomonkeys.
Dimenticate generi, aggettivi e tutto il resto, accendete il lettore e lasciatevi travolgere da un’esplosione di suoni variopinti e colorati: dal banjo alla drum machine, fino allo schiocco delle dita e alle voci effettate.
Le due geniali scimmiette non si fanno mancare proprio nulla, inclusa la produzione del lavoro con un vero Asso – Stefana- del mestiere.
Dai suoni caramellosi e surreali di “Marshmellow”, al sound “pica préde” di “More Space”, passando per i ritmi serrati e danzerecci di “Fuckfolk”, ci ritroviamo in un intenso trip continuo.
Good job!

Ai fratelli Bornati (e anche a me) le definizioni stanno strette.
Suonano elettronica?
New Wave?
Krautrock?
Post-Punk?
Vattelapesca? Tutto e il contrario di tutto.
La loro bravura risiede, semmai, nel saper cogliere “di tutto, un po’ ” rielaborandolo in maniera unica ed irresistibile.
Il loro sound scimmiesco ti entra dentro, ti scuote, ti fa ballare e, sì, anche un po’ pensare, ma credimi, nulla poi sarà più lo stesso.
O li trovi pazzi o geniali.
Io scelgo la seconda opzione.

Pro

Contro

Scroll To Top