Home > Recensioni > Unearth: Endless Ep
  • Unearth: Endless Ep

    Unearth

    Loudvision:
    Lettori:

Hardcore compatto e tecnico

La prima volta che lessi il nome Unearth fu sulla t-shirt del chitarrista dei From Autumn To Ashes. La strana molla che in questi casi mi scatta nel cervello mi indusse a pensare: mi piacciono i From Autumn To Ashes, ai From Autumn To Ashes piacciono gli Unearth, a me sicuramente piacerebbero gli Unearth. E così effettivamente è stato in quanto questo nuovo “Endless” è un straordinario, completo, compatto e distruttivo. Immaginate i Killswitch Engage ancora più tecnici e ancora più svedesi, un cantato incisivo e diretto e delle soluzioni melodiche mai banali e avrete ottenuto gli Unearth. La title track vi disintegrerà sotto i suoi cingoli metallici, “Internal War” vi trasporterà direttamente in Scandinavia, con quel riff portante dal sapore swedish-black, per poi esplodere in una bordata hardcore new-school, “The Charm” con le sue intricate melodie chitarristiche rivela tutto il gusto e la classe della band americana mentre “My Desire” ritorna su coordinate più tipicamente hardcore, con un mid-tempo da classico moshpit e un ritornello che strizza ancora una volta al metal europeo. Non sono molte le band oggigiorno a potersi vantare di possedere delle così spiccate qualità, soprattutto quella fondamentale capacità di elevarsi al di sopra del polverone per poter portare avanti un discorso personale. Gradita sorpresa anche se leggermente “sporcata” dalla presenza, in questo EP, di soli quattro brani.

Scroll To Top