Home > Recensioni > Upon This Dawning: On Your Glory We Build Our Empire
  • Upon This Dawning: On Your Glory We Build Our Empire

    Upon This Dawning

    Data di uscita: 05-12-2009

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Ma anche no

Il quintetto bresciano capitanato da Matteo Bertizzolo debutta con un album che definire fac-simile dei compari d’oltreoceano Alesana è forse riduttivo. Senza il forse.
Le nove tracce, precedute dalla classica intro atmosferica tanto cara al genere metal, non hanno nulla di più da dire rispetto al panorama screamo degli ultimi anni, eccezion fatta per un unico (insolito) titolo: “G. Scotti At The Millionaire”.
Riff melodici, ritmi ripetitivi e liriche prevedibili per un totale di 38 minuti scarsi.

Va bene la reminescenza wagneriana del Leitmotiv iniziale, passino le urla disperate che fanno da collante tra una nota e l’altra, ma un po’ di fantasia non guasta – soprattutto se non va ad infrangere il copyright di lavori firmati da miriadi d’altre band emocore.
Si spera che questa caduta precoce sia uno stimolo per rimettersi in piedi al più presto.
P.S.: E non ditemi che “On Frail Wings Of Vanity And Wax” = “On Her Wings, ‘Till The Sky” è un’equazione non verificata.

Pro

Contro

Scroll To Top